Lost

lost.gif

Partito nel 2005 su Fox (ritrasmesso da Raidue) ed ora in esclusiva con la seconda stagione sempre su Fox (Sky), Lost è – a parer mio – il miglior telefilm (ad episodi) degli ultimi dieci anni. Lo paragonerei ad uno spartiacque tv come è stato “Matrix” nel ’99 per il cinema. Chi scrive per la tv dovrebbe confrontarsi con questo prodotto e di conseguenza tentare di scrivere qualcosa di altrettanto buono.

Il creatore della serie J.J.Abrams (noto anche per “Alias” e da ora lo sarà pure per il prossimo film della serie Star Trek – l’undicesimo) ha creato una storia davvero sorprendente, non banale ed originale.
E forse più che per “il cosa” questa serie è fantastica per “il come” è narrata.
Già dalla sigla, che parte dopo un prologo piuttosto lungo, si capisce che il telefilm non è “normale”: 10 secondi della scritta Lost bianco su nero che sfoca come se stesse precipitando verso lo schermo e in sottofondo un suono che può assomigliare ad un aereo o chissà…
La storia inizia in modo carambolesco con una delle scene più paurose nell’ambito di quelle in cui ci sono aerei di linea in caduta libera. (Mi sovviene Castaway come riferimento altrettanto terrificante). L’impatto visivo è bellissimo e a livello dei miglior blockbusters cinematografici.
Il volo Oceanic 815 precipita tra Sidney e Los Angeles. L’aereo si spezza – in volo – in due. Alla tragedia sopravvivono 48 persone che naufragano sulla spiaggia di un’isola tropicale “deserta”. E fin qui sembra che il peggio sia passato dopo la tragedia, ma in realtà l’isola è pregna di misteri e di stranezze. In più i personaggi hanno tutti un passato non esattamente lineare o limpido…  infatti che tutti siano un po’ “lost” già prima dell disastro lo si vede grazie all’uso magnifico di flashback in cui vediamo come i protagonisti siano giunti al volo 815 attraverso disavventure personali che torneranno prepotentemente a farsi vive anche qui. L’isola sembra un buon metodo per riscattarsi (forse) o esplorare sé stessi alla ricerca del proprio lato oscuro. Il cast è variegato (e furbescamente politically correct): bianchi, neri, gialli, musulmani, cattolici, orientali, africani, latini, donne, uomini, neonati, bambini, teen-agers ed anziani. Non manca nessuno… 🙂
Anche i ruoli sembrano adattarsi a quello che necessiterà ai sopravvissuti sull’isola. Un medico (Jack), una fuggitiva (Kate), un truffatore (Sawyer), un cantante tossicomane (Charlie), un misterioso miracolato della carozzella neo-rambo (Locke), un ex-soldato iracheno (Sayid), un grasso e giovane milionario (Hurley “Coso”) e numerosi altri popolano la spiaggia (nella prima season) di Lost.
E da qui iniziano le avventure per tentare innanzitutto di trovare cibo, riparo e soccorsi…ma da subito si capisce che l’isola,nasconde qualcosa di davvero insolito.
Andarsene sarà dura se non impossibile: l’aereo era fuori rotta ed i soccorsi daranno per scontato l’affondamento dell’apparecchio nell’oceano Pacifico.

Non svelo nulla (non aggiungo links perchè anche i più innocui contengono rivelazioni future) ma il bello di questa serie (che deve essere seguita senza interruzioni poichè è a capitoli conseguenti) è a mio avviso il riuscito tentativo di tenere sempre col fiato sospeso lo spettatore e fuorviarlo a piede spinto dando poche spiegazioni, molti spunti, una trama intricata con molti particolari ben inseriti in un ingranaggio che compone un enorme puzzle di sottotrame riconducibili a quella principale con molte sorprese senza mai scadere nel prevedibile o nell’inutile.
Non so come definire il genere di cui fa parte Lost: Thriller? Fantascienza? Fantastico? Drammatico? Un po’ tutti e nessuno a ben vedere.
Il linguaggio è diretto ma mai sopra le righe, le azioni sempre logiche in un contesto che pare irreale ed i personaggi sono ben delineati e funzionali al racconto. Anche i dialoghi vanno spesso in una direzione che non ci si aspetta e soprattutto non si tratta lo spettatore come un bambino di tre anni a cui bisogna ribadire e spiegare esplicitamente ogni cosa: tutto è suggerito (a volte la risposta ad una domanda salta fuori quando meno te l’aspetti in un contesto che sembrerebbe non centrare nulla.) Stupendo!
  
Voto:
Prima stagione (7.5)
Seconda stagione – per ora – : 8+

Ciao, J 

Annunci

2 commenti su “Lost

  1. Ola J,
    come tu ben sai sono anche io un fan di Lost (e non e’ poco visto il mio scarso amore per la tv in genere, e in particolar modo per le/i fiction-reality-saghe-telefilm-serial tv e chi piu’ ne ha piu’ ne metta di nomi a piacimento).
    L’ultima serie tv che ho visto (ma non portato a termine) e’ stata X-files, dove ho seguito le prime 6/7 stagioni circa e poi ho mollato il colpo quando ho visto che allungavano sempre il brodo con improbabili intrighi governativi che alla fine mi hanno stufato …
    Spero che con Lost non succeda la stessa cosa. Per ora le premesse per un ottimo prodotto ci sono state tutte (io son fermo alla 1 serie!).
    Il problema di molti serial-tv non e’ tanto l’inizio (beh di alcuni si, fan c@g@’ fin da subito 😉 ) ma lo sviluppo e poi la conclusione.
    Da quello che tu dici lo sviluppo continua su binari interessanti.
    La mia speranza e’ che anche la fine sia degna dell’inizio. Piuttosto facciano qualche stagione in meno (ma l’ideatore non si vociferava dovesse andare a fare altro?) ma non tirino troppo in la’ solo per i probabili buoni ascolti che faranno (ma essendo un prodotto televisivo di solito succede cosi 😦 ).
    Mi piacerebbe un finale tipo la “Torre Nera” di S.King, in cui dopo tanti anni in cui abbiamo atteso la fine facendo 1000 ipotesi, lui se n’e’ uscito con un trovata a mio parere non scontata e non banale, anche se forse ispirata dalla filastrocca “c’era una volta un re ecc ecc”.
    Boh staremo a vedere … ma su Rai 2 quando inizia la stagione 2? A marzo? Buaaaaaahhhhhhhh …….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...