Recensione Film: Ultimatum alla terra

Film del 2008 remake del più celebre (e migliore) girato nel 1951 qui interpretato da Keanu Reeves (è Klatuu), Jennifer Connelly, Jaden Smith e Kathy Bates.

1928. Un alpinista sulle montagne del Karakorum, in India trova un oggetto sferoidale luminoso. Lo apre e ne viene investito da una luce possente. Sviene ed al risveglio si trova con una “goccia” sul dorso della mano.

Giorni nostri. La Dottoressa Benson (J.Connelly) viene reclutata a forza per la “sicurezza nazionale” e caricata su un elicottero che la porta insieme ad altri scienziati di vario tipo (geologi, astronomi, astrobiologhi, fisici nucleari ecc) in un centro per lo studio di un oggetto che sta per entrare in collisione con la terra, ma con sopresa di tutti, l’oggetto volante non identificato invece di schiantarsi atterra a New York nel Central Park. Ne esce un uomo accompagnato da un enorme robot e gli umani, spaventati, sparano all’alieno ritenendolo ostile.

La Dottoressa lo segue nel laboratorio ove l’alieno si risveglia e dove quest’ultimo comunica che deve parlare all’Onu perchè è venuto per salvare la terra ma, ostinatamente, nessuno gli dà credito e si tenta di interrogarlo, scoprire per quale motivo è arrivato sulal terra, se è pronta un’invasione e come fermare il robot a guardia dell’astronave.

Non aggiungo altro della trama.

Il film ricalca il senso d’impotenza dell’uomo verso l’ignoto e l’istinto aggressivo verso quello che è diverso da noi. Qui si gioca sul destino della terra legato all’autolesionismo dell’uomo che sta portando il pianeta verso il collasso. Nel 1951 la paura era di tipo atomico e quindi il messaggio alieno era “fermate la corsa al nucleare o vi annienteremo noi”.
Anche qui c’è il ruolo di Gort (ma stavolta non occorre la mitica frase “Klatuu Barada Nikto”) e quello di Klatuu nel dare l’ultimatum del titolo.

Che dire… la storia è interessante e il tema spostato verso l’ambientalismo è coerente (molto sentito per tutto ciò che effettivamente stiamo causando alla Terra) ma, il film pur sorretto da effetti visivi notevoli manca di spessore nei personaggi (stereotipi), di simpatia e soprattutto di un senso logico. Sfugge un po’ il senso del perchè Klatuu cambi idea, personalmente se fossi stato l’alieno non mi sarei commosso più di tanto e avrei proseguito con l’ultimatum fino in fondo… 🙂 E che dire del reclutamento degli scienziati  un’ora e 18 minuti prima dell’impatto? A cosa serve?

Keanu Reeves è apatico quanto basta per sembrare alieno (non so quanto sia positivo ma tant’è) e  Jennifer Connelly lo è altrettanto quando invece dovrebbe rappresentarci nell’umanità dei sentimenti e delle emozioni…bah… Jaden Smith che mi era piuttosto piaciuto ne “La ricerca della felicità” qui mi sembra invece molto antipatico e sembra che voglia primeggiare – più di quello richiesto dal ruolo. E anche Kathy Bates mi sembra spiazzata in un ruolo a lei non congeniale. Un cast troppo disunito.

Concludendo: un’altra occasione sprecata.

Voto 5.5 Promette ma non mantiene, sciapo.

Annunci

Un commento su “Recensione Film: Ultimatum alla terra

  1. Pingback: RECENSIONI FILM | Aurora Boreale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...