Windows 7: Un primo sguardo al nuovo sistema operativo di casa Microsoft

Comprando un pc nuovo con a bordo Vista Home Premium a 64 bit ho avuto la possibilità di ordinare l’upgrade alla versione corrispondente di Windows 7. L’upgrade è gratuito fino alla fine di Gennaio per chi acquista un pc con Vista, occorre spendere 14,90€ per la spedizione.
Ammetto di aver utilizzato in passato davvero poco Vista pur avendolo in dual boot sul notebook; ho sempre preferito utilizzare il vecchio Xp (personalmente lo ritengo più affidabile di Vista), ormai abituato a “dove stanno le cose”.
Avendo acquistato un pc con architettura a 64 bit ero invece curioso di provare 7 e vedere come si comporta e capire se davvero sono stati risolti tanti problemi di Vista.

Dopo aver creato i dischi di ripristino di Vista (non si sa mai) ho eseguito l’upgrade (arrivano 2 dvd) e devo dire che, finalmente, la procedura d’installazione è semplice e non dovrebbe creare problemi a nessun utente anche non propriamente esperto.

Tutto il setup è abbastanza rapido: 45 minuti (ok, su un Quad Core con 8Gb di ram…) senza  richieste di drivers o altro. Riavvio, e funziona (quasi) tutto: solamente il driver video è impostato a “Vga standard” ma appena parte il Windows Update mi scarica il software Nvidia. Installato riparte tutto senza problemi o quasi(!).
In realtà proprio il driver video è l’unica cosa che mi ha fatto “lavorare” un po’: ho dovuto scaricare una versione più obsoleta del driver poichè ogni qualvolta “spingessi” la scheda grafica (Aero, Google Earth ad esempio), quello scaricato in automatico andava in errore e si riavviava (certo, senza schermate blu o blocchi di sistema. E già questo è un passo avanti!). Con il driver più “testato”(?) sembra non presentare più questo problema. Collegata stampante, riconosciuta. Scanner idem. Tavoletta pure (chiaramente ho dovuto aggiungere il driver Wacom per le altre funzionalità). In sostanza tutto l’hardware non ha dato problemi di gestione…finalmente nessun punto esclamativo giallo! 🙂

Dopo aver trasferito i miei vecchi documenti (collegando l’hard-disk precedente con un adattatore eide/usb) ho reimportato i dati occorrenti (preferiti di IE, bookmarks di Firefox, account e messaggi di posta da outlook Express in Windows Live Mail – applicazione che va scaricata a sè stante dal pacchetto gratuito Live Essentials). Ho reinstallato le applicazioni (tutte a 32 bit) che uso più correntemente e l’unica a darmi problemi (non è compatibile con l’architettura a 64 bit del mio attuale 7 e non s’installa proprio) è stata una vecchia versione di Microsoft Money (2000). Vista l’obsolescenza di questo programma non posso certo attribuire colpe a 7*.

*A questo punto se avessi avuto un WIndows 7 Ultimate, Professional o Enterprise  e un processore con caratteristiche Vt (Virtualizzazione assistita hardware di alcuni processori. Il mio Quad Core 8300 non ce l’ha, purtroppo, errore mio) avrei potuto installare Virtual PC e Xp Mode in modo da usarvi Money all’interno. Peccato. Volendo potrei installare una macchina virtuale (tipo Virtualbox di Sun e installarvi Xp) ma non sarebbe la stessa cosa: Xp Mode permette di lanciare l’applicazione (ad esempio Money) senza dover avviare prima la macchina virtuale guest (immagino che “lavori” in background).

Ad una prima occhiata la veste grafica di Windows 7 è praticamente uguale a quella di Vista. In realtà sono stati migliorate le scorciatoie e aggiunte funzioni in più menu (che non guasta). Salta all’occhio l’indicizzazione dei files e quindi la notevole velocità dello strumento di Ricerca (ispirato allo Spotlight della Apple). Questo strumento è davvero molto utile soprattutto per chi, come me, non sa dove andare a trovare quello che cerca (ecco l’unica difficoltà: capire dove siano le applicazioni e le risorse del sistema in una struttura diversa da Xp).

Altra gradita sorpresa è l’aggancio alla rete wireless che dopo la richiesta di immissione della password di crittografazione ha funzionato subito senza problemi (e soprattutto ha continuato a farlo nei successivi riavvii, cosa che in Vista ha dato non pochi problemi). Ho provato anche la funzionalità di backup di un disco immagine del sistema operativo su altro hard disk. Tutto bene (ovviamente non ho eseguito un restore, quindi il giudizio è positivo per quanto riguarda la procedura che è molto semplice).

In sostanza, per ora, tralasciando l’aspetto grafico, il risultato parziale della mia analisi è sicuramente positivo. Valuterò meglio quando sarò più confidente con le funzionalità che 7 mette a disposizione. Microsoft sembra aver lavorato a fondo…

Ciao, J

Voto: 8 (in progress)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...