Recensione Libri: “999 L’ultimo custode” di Carlo Adolfo Martigli

In questo romanzo di genere storico la storia scorre parallelamente su due binari temporali: la fine del ‘400 e il 1938.
Nella prima epoca Giovanni Pico della Mirandola scrive le sue 900 Tesi e tiene per sè , con l’intento di rivelare – in un concilio a Roma con i maggiori esponenti delle tre religioni monoteiste – il contenuto straordinario e devastante per la Cristianità di altre sue 99 Tesi Segrete.
Protetto in parte da Lorenzo De’ Medici e contrastato da Papa Innocenzo VIII, Pico deve fuggire, mentre giochi politici e di potere tramano ed agiscono (la nascita dell’Inquisizione, ad esempio) per rendere ridicole le sue ipotesi sull’origine e la Forma del Divino. Pico lascia in eredità un libro a chi potrà in futuro rivelare a mondo la verità.
Nel 1938 tale libro fa molta gola ai nazisti del Terzo Reich, pronti a sfruttare qualsiasi tesi che possa debellare il potere del Cristianesimo a favore del movimento nato in Germania che darebbe ad Hitler e alle sue idee la forza di nuova religione da seguire. Gli eredi di Mirandola e dei suoi amici che nei secoli hanno custodito il manoscritto devono fare in modo che il libro rimanga al sicuro per quando i tempi saranno effettivamente maturi per rivelarne il contenuto. Non aggiungo altro…

Il mio è un giudizio contrastato: il racconto è fluido e i particolari – soprattutto quelli della vita nel ‘400,  quasi 1500 🙂 – sono molto interessanti: ci fanno capire come si sia sviluppato un pensiero giunto a i giorni nostri ma, al contempo, si possono denotare notevoli incongruenze nel comportamento umano a dispetto della Fede, del Dogma e dei Sacramenti (vedi il Papa con amanti e figli naturali ed illegittimi tra cui uno particolarmente importante per la Storia, almeno nel libro). Ci permette di assistere allo scontro di poteri forti e differenti come la Chiesa e i Nobili dell’epoca e che, alla fine, riconducono comunque ad una sorta di compromesso atto a mantenere un equilibrio tra le forze in modo da garantire a chi ha il potere lo status quo raggiunto. Aggiunge fascino alla narrazione l’aggiunta dei personaggi nel 1938 poichè ci si ricollega al richiamo dell’occulto da parte dei comandanti del Terzo Reich e al desiderio di ricreare la Storia secondo i propri scopi e fini.
Quindi devo dire che fin verso la fine il romanzo è accattivante e si fa leggere con gusto; tiene col fiato sospeso in attesa di una rivelazione straordinaria e di un finale scoppiettante e teso ma, purtroppo, questo libro è come un buon gelato che si scioglie al sole…
Le ultime 40-50 pagine concentrano troppi avvenimenti storici tralasciando la sorte dei protagonisti. Poche righe ne descrivono il destino ed anche la frase misteriosa che dovrebbe svelare tutto non si capisce. (Almeno per me, io non l’ho proprio capita o interpretata).
L’autore sembra accompagnarci (un po’ come riesce – almeno questo bene – a Dan Brown) a porci sempre nuove domande e ad aumentare la curiosità ma poi alla resa dei conti ti abbandona alla tua strada e preferisce mostrare ciò che la Storia reale ha lasciato, facendo intravedere un possibile evolversi degli eventi senza spingersi ad illustrarci per bene il senso della storia. Sembra dire: “E succede questo e poi questo e questo e questo e…niente.”

Peccato, un libro… a metà.

Voto: 6.5 Inconcludente (riscrivendo le ultime 40 pagine e aggiungendone altre 50 dando spazio alla Tesi e al destino dei personaggi forse sarebbe un libro da 8 )

Ciao, J

Annunci
di Jfk Inviato su Libri

2 commenti su “Recensione Libri: “999 L’ultimo custode” di Carlo Adolfo Martigli

  1. Pingback: Recensione Libri: “L’eretico” di Carlo Adolfo Martigli | Aurora Boreale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...