Recensione Film: State of play

Thriller del 2009 interpretato da Russell Crowe, Ben Affleck, Robin Wright-Penn, Helen Mirren, Jason Bateman,  Jeff Daniels e Rachel McAdams.

Washington DC: un delinquente di mezza tacca corre a perdifiato finchè raggiunto, un uomo lo fredda con due colpi di pistola. Un passante viene anch’esso ucciso solo per aver visto.
Metropolitana: una bella donna dai capelli rossi finisce sotto un convoglio.
Cal (Russell Crowe) è un giornalista del Washingtoin Globe piuttosto indipendente ma molto bravo a trovare indizi e a seguire tracce, grazie anche alle sue conoscenze nella polizia. Viene incaricato di seguire il caso dell’omicidio in strada.
Della, anch’essa giornalista dello stesso giornale segue invece le vicende di Sonia Baker, la rossa finita sotto la metro.
Sonia Baker era a capo di una commissione politica, insieme al deputato Collins (Ben Affleck) e di lui amante; incaricata di analizzare il comportamento di un’azienda privata formata da ex-militari con poteri forti nell’Amministrazione Bush (servizi civili e soprattutto negli scenari bellici) stava aiutando l’uomo a capire quali misfatti erano coperti al solo scopo di far fruttare la guerra.
Il mistero s’infittisce quando le due storie iniziano ad incrociarsi e portando i due giornalisti sullo stesso percorso, di fatto costringendoli loro malgrado ad allearsi per scrivere un articolo.
A complicare le cose ci si mette anche il rapporto tra Collins e Cal, amici di lunga data e la moglie tradita dell’onorevole, la bella Ann (Robin Wright-Penn) innamorata di entrambi.
Anche il riferimento politico di Collins, il Senatore Fergus (Jeff Daniels) non sembra estraneo alla faccenda e via via che i contorni si fanno più chiari diventano anche più pericolosi.

Bel film. Trama costruita bene e non eccessivamente contorta; qualche idea ce la si fa da subito ma non mancano colpi di scena e battute ad effetto. Il contesto politico non sembra poi tanto lontano dalla realtà e nasconde, neanche tanto velatamente un messaggio di condanna, questo film. Comunque se lo prendiamo soltanto come prodotto d’entertainment sicuramente usciamo dal cinema soddisfatti. Il cast è ben amalgamato e su tutti spicca il protagonista, bravo a trasformarsi di film in film in quello che vuole: ottimo Russell Crowe.

Voto: 7.5 Un film sensato

Ciao, J

Annunci

Un commento su “Recensione Film: State of play

  1. Pingback: RECENSIONI FILM | Aurora Boreale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...