Recensione Film: Bastardi senza gloria

“Inglourious Basterds” è un film del 2009 scritto e diretto da Quentin Tarantino ed interpretato da Brad Pitt, Christop Waltz, Diane Kruger e Mélanie Laurent.
Ecco la trama (ridotta da me all’osso) da Wikipedia.

Nella Francia occupata dai nazisti, la giovane ebrea Shosanna Dreyfus (Mélanie Laurent) assiste all’uccisione di tutta la propria famiglia per mano del colonnello nazista Hans Landa (Christoph Waltz). La ragazza riesce a sfuggire miracolosamente alla morte e si rifugia a Parigi, dove assume una nuova identità e diviene proprietaria di una sala cinematografica. Contemporaneamente, in Europa, il tenente Aldo Raine (Brad Pitt) mette assieme una squadra speciale di soldati ebrei  noti come “i Bastardi”. I soldati vengono incaricati dai loro superiori di uccidere ogni soldato tedesco che incontrano e prendere loro lo scalpo. La squadra di Raine si troverà a collaborare con l’attrice tedesca Bridget Von Hammersmark (Diane Kruger), una spia degli Alleati, in una missione che mira ad eliminare i leader del Terzo Reich…

Premetto che mi piace molto il cinema di Tarantino ma, questa volta, il film non mi ha convinto.

Il regista è bravo a trasformare la violenza e l’efferatezza dei suoi personaggi (sempre oltre il limite)  in qualcosa di paradossale e assurdo, creando un gioco tra lui e lo spettatore che rende accettabile anche l’effettaccio splatter poiché talmente esagerato da diventare dichiaratamente finto e quindi (proprio per contrappunto) divertente. Cosa che, purtroppo, in un film che parla di nazismo e olocausto stona lasciando contraddetti.
Se in film come “Pulp Ficton” o “Kill Bill” vedere tanto sangue al pari di battute e situazioni paradossali regge e crea la struttura che ne fa dei piccoli capolavori, in “Bastardi senza gloria” questo gioco non s’instaura perché l’atmosfera ed il contesto sono particolari spinosi da trattare ed il risultato, personalmente, l’ho trovato quantomeno “indelicato”.

In sostanza penso che sia difficile girare un film su quel periodo storico (ancora vicino a noi) mischiando i generi come fa Tarantino. Personalmente faccio fatica a trovare qualcosa di divertente nel nazismo (pur tentando di dissacrarlo).

Voto: 6 Per gli attori, soprattutto Christoph Waltz che ha vinto anche l’Oscar.
Ciao, J

Annunci

Un commento su “Recensione Film: Bastardi senza gloria

  1. Pingback: RECENSIONI FILM | Aurora Boreale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...