Recensione Film: L’uomo nell’ombra

Film del 2010 diretto da Roman Polanski ed interpretato da Ewan McGregor (L’Ombra), Pierce Brosnan (Adam Lang), Olivia Williams, (Ruth Lang), Kim Cattrall, ed in piccole parti Timothy Hutton, Jim Belushi, Eli Wallach e Tom Wilkinson.

L’Ombra (non mi sembra ne venga mai pronunciato il nome) è un ghost writer esperto nello scrivere autobiografie per e di personaggi famosi.

Adam Lang (Pierce Brosnan), ex-primo ministro inglese stava facendo scrivere la propria biografia ad un altro ghost-writer che viene trovato annegato sulla spiaggia della propria residenza sull’isola di Martha’s Vineyard in circostanze tutt’altro che chiare. A questo punto l’Ombra diviene il nuovo ghost-writer ufficiale e per questo viene assunto e trasportato nella casa dell’ex-premier negli Stati Uniti. Qui trova un ambiente sempre sotto pressione e gli eventi politici che coinvolgono Lang lo portano a sospettare che ci sia qualcosa di oscuro e non detto nella morte del precedente ghost-writer. A complicare le cose un’accusa nei confronti di Lang per crimini di guerra che spingono il nostro ad indagare sul passato dell’uomo politico.

Non aggiungo oltre.

Che dire? Mi aspettavo tanto dal film viste le recensioni ma, dopo un inizio intrigante e un’ambientazione efficace, come lo sono gli attori, quello che mi ha invece deluso è proprio la storia.

Lo spunto c’è ed anche l’intreccio ma, in sostanza, non succede nulla. E’ tutto in fieri ma non si completa. Anche il (presunto) colpo di scena si capisce almeno mezz’ora prima della fine. E poi ci sono due comportamenti (entrambi dei 2 uomini nell’ombra, i ghost-writers) a mio avviso assurdi e sconclusionati (non li dico per non rovinare la sorpresa). Per non parlare di dove viene trovato un documento compromettente. Non è plausibile vista la sicurezza a protezione del premier e del suo entourage che non avessero cercato nella stanza – mettendola sottosopra – di un uomo, un collaboratore che vive a stretto contatto dell’ex-premier, nella sua stessa casa! Mah…

In pratica, non mi è piaciuto. Non l’avrò capito. E’ un film, a mio avviso, che promette ma non mantiene. Anche l’escamotage finale del “codice” è banale. Andava bene per un film di 50 anni fa, se l’avesse fatto all’epoca Hitchcock allora avrebbe avuto senso, oggi proprio no.

Voto: 6 (Per gli attori, credibili)

Ciao, J

Annunci

2 commenti su “Recensione Film: L’uomo nell’ombra

  1. Pingback: RECENSIONI FILM | Aurora Boreale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...