Recensione Film: Toy story 3 – la grande fuga

Film del 2010 diretto da Lee Unkrich, terzo episodio della saga Disney-Pixar.

Eccoci di nuovo alle prese con questo gruppo eterogeneo di giocattoli più umani degli umani, capitanati da Woody, cowboy puro d’animo e di cuore.
Andy è cresciuto è sta per partire per il college. Al momento di svuotare armadi e camera decide di mettere i giocattoli in soffitta portandosi solo Woody ma per errore il sacco dei giocattoli finisce sulla strada tra i rifiuti. I giocattoli convinti di essere spazzatura s’infilano in una scatola che deve finire in beneficienza per l’asilo di Sunnydale e con loro si aggrega Woody che cerca di convincerli dell’equivoco e di farli tornare in soffitta ma nessuno gli crede. Arrivati all’asilo sembra tutto paradisiaco fino a quando, i giocattoli del posto affidano ai nuovi arrivati l’aula Bruco ove giocano i bimbi più piccoli…

Un film bellissimo, divertente e realizzato in maniera perfetta.
Un terzo capitolo degno e addirittura superiore rispetto ai precedenti.
Non è facile continuare un racconto senza scadere nel banale o noioso (vedi Shrek 3) e invece qui ci si diverte un sacco, ancora e di gusto.

Un film da tenere in videoteca, assolutamente.

Voto: 8.5 Stupendo

Annunci

Un commento su “Recensione Film: Toy story 3 – la grande fuga

  1. Pingback: RECENSIONI FILM | Aurora Boreale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...