Recensione Libri: “La ragazza dei fiori di morti” di Amy MacKinnon

Genere: Thriller
Trama tratta da IBS: Clara Marsh prepara i cadaveri. Li trucca, li veste di fiori, li rende presentabili per la veglia funebre, così chi li ha amati in vita può guardarli un’ultima volta con l’illusione che niente sia mutato. Nel passato di Clara ci sono abbandoni e violenze, e forse per questo il suo presente è popolato solo dalla discreta vicinanza dei morti e dal silenzioso dialogo con i fiori. Ma tutto cambia nel momento in cui Trecie mette piede nel freddo laboratorio delle pompe funebri. Chi è quella strana bambina, troppo fragile, indifesa e giovane per un posto del genere? Da principio Clara cerca di non far caso a lei, ma quando la ragazzina smette di andare a trovarla e l’agente Sullivan le chiede di collaborare alla soluzione di un brutto caso di pedofilia, un bivio si apre davanti ai suoi occhi. Se il Male decide di sfidarti hai solo due possibilità: lasciarlo vincere o combatterlo. Una sofisticata indagine poliziesca che, come “Amabili resti” di Alice Sebold, sa avvolgere il lettore in un ritmo febbrile e sovrannaturale, trascinandolo verso un finale inesorabile

Commento: L’inizio non è facile e la trama si dipana in ambienti forti e con temi delicati allo stesso tempo. Non è un libro leggerissimo (soprattutto quando un romanzo è fortemente pervaso dalla morte) ma , proseguendo nella lettura ci si rende conto di come sia brava l’autrice a raccontare le cose orribili in maniera sempre “pulita” giungendo addirittura ad un finale quasi poetico pur trattando temi scabrosi. In realtà a ben pensarci è un libro che parla di ritorno al respiro, alla vita.
La parte thriller è interessante anche se non c’è da aspettarsi un romanzo in stile Agatha Christie, qui con un minimo di attenzione si capisce subito chi è il colpevole (non è il maggiordomo, eh) ma, onestamente, ha davvero poca importanza rispetto al modo in cui vengono raccontate le vite, le morti, il legami attraverso i fiori di chi sta di qui ed è nell’aldilà.

Voto: 7.5 Argomento pesante raccontato e risolto con leggerezza e stile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...