Recensione Film: The Bourne legacy

 

Film del 2012
Diretto da Tony Gilroy
Con:
Jeremy Renner: Aaron Cross/Kenneth J. Kitsom
Rachel Weisz: Marta Shearing
Edward Norton: Byer
Genere: Azione
Trama parzialmente tratta da Wikipedia: Nonostante il titolo sia lo stesso del romanzo omonimo, la pellicola è di fatto uno spin-off della saga di Bourne, e narra una storia completamente diversa dal romanzo omonimo di Van Lustbader, e il protagonista non è più Jason Bourne, ma un altro agente del programma Treadstone, Aaron Cross.
Il film narra le vicende che accadono nel momento in cui Jason Bourne incontra prima un giornalista del The Guardian, Simon Ross, a Londra, e poi Pamela Landy a New York. L’assistente di Noah Vosen contatta di nascosto un funzionario governativo, Turso, che in seguito riceverà la visita dello stesso direttore della CIA Ezra Kramer; dopodiché è lui a contattare il colonnello Byer, uno degli ideatori dell’aggiornamento di Treadstone e membro chiave del Comando Operazioni Speciali.

Dietro a BlackBriar, il programma ombrello, ci sono diversi programmi per creare agenti dormienti sul modello di Bourne e i suoi primi colleghi; tutti costoro sono militari addestrati ad agire nell’ombra dall’esercito, e solo dopo assegnati alla CIA, tanto che Turso si lamenta con Ezra Kramer dicendogli: Vi è stata data una Ferrari… e l’avete trattata come un tagliaerba!; le rilevazioni della Landy alla stampa rischiano di scoperchiare una pentola più bollente di quanto la stessa Landy creda; diversi di questi agenti sono infiltrati in nazioni o gruppi apertamente ostili agli Stati Uniti, e la loro perdita rappresenta un grosso passo indietro nello spionaggio; tuttavia, Byer è convinto che si debba limitare i danni ad ogni costo; Kramer è pronto a trascinarli tutti dietro di sé in caso finisse male per lui.

Tra i diversi programmi, alcuni sfornano agenti geneticamente modificati, tenuti in riga e in forma grazie a due pillole, una per il corpo e una per la mente; in particolare, Aaron Cross del programma Outcome; Cross, durante le fasi iniziali dello scandalo Treadstone, è in Alaska a riaddestrarsi (l’effetto dovrebbe essere, nelle intenzioni dei suoi controllori, più psicologico che fisico) e in un avamposto di appoggio incontra un altro agente confinato lì, ovvero il killer che ha ucciso Simon Ross a Londra ma ha poi esitato a New York davanti a Bourne…
Commento: Film intreccio in cui non tutto è spiegato (e a volte non si mi sembra molto coerente). A parte questo è un film di genere abbastanza divertente. Bravo Jeremy Renner ma, la storia, non aggiunge nulla di nuovo e assomiglia tanto (troppo) al Bourne precedente. In sostanza, valeva la pena un nuovo capitolo così poco originale? Bah

Voto: 6 Ed ora aspettiamoci Bourne 4 amici per la pelle

si puo vedere distrattamente - 6

Annunci

Un commento su “Recensione Film: The Bourne legacy

  1. Pingback: RECENSIONI FILM | Aurora Boreale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...