Recensione Film: Sotto assedio – White House down

sotto assedio

Film del 2013
Diretto da Roland Emmerich
Genere: Azione
Con:
Channing Tatum: John Cale
Jamie Foxx: James Sawyer
Maggie Gyllenhaal: Alice Dawson
James Woods: Martin Walker
Jason Clarke: Emil Stenz
Richard Jenkins: Eli Raphelson
Joey King: Emily Cale
Rachelle Lefevre: Melanie

Trama:
John Cale è un uomo della scorta dello Speaker della Camera che vorrebbe entrare a far parte della sicurezza del Presidente degli Stati Uniti d’America. Dopo aver dimenticato un appuntamento con la figlia Emily, in affido all’ex-moglie, decide di farsi perdonare regalandole un giro guidato all’interno della Casa Bianca proprio il giorno in cui dovrebbe presentarsi al colloquio di lavoro desiderato. Purtroppo il giorno è lo stesso in cui un gruppo paramilitare ha deciso di sferrare un attacco al cuore del Governo americano. Travestiti da tecnici del suono questi terroristi scatenano l’attacco facendo esplodere una bomba in Campidoglio e poi sfruttando la confusione, riescono ad occupare la Casa Bianca e a prendere ostaggi tra cui la figlia di John Cale…

Commento: Emmerich come si autocita nel film, aveva già distrutto parte della White House in “Indipendence Day”, e qui non lesina esplosioni che la demoliscono parzialmente, si vede che ci prova gusto, chissà…
Il film è uscito due mesi dopo “Attacco al potere – Olympus has fallen” che narra – a grandi linee – dello stesso tema: l’attacco al potere centrale, al Presidente e, soprattutto, alla Casa Bianca.
Diciamo quindi che una delle due sceneggiature non è proprio originale ma, chissà quale è nata prima. (Questo mi ricorda “Armageddon” e “Deep Impact” che uscirono quasi all’unisono e anche lì il tema era lo stesso: il rischio dell’estinzione per colpa dei meteoriti).
Tralasciando quindi il discorso originalità e di come vada a finire (questo lo si capisce da subito), si distingue rispetto a “Ohf” per una maggiore dose di humour e di spettacolarità. Nel cast ci sono attori che arricchiscono lo script (James Woods su tutti), anche se è tutto molto prevedibile, anche il presunto colpo di scena finale è piuttosto debole. Diciamo che se vi va di passare due orette di divertimento senza troppe pretese, questo è il film d’azione adatto: veloce, spettacolare e brain-off.
In sostanza vai di coca-cola e pop-corn. Non male
Voto: 6.5/7 Fa strano vedere Jamie Foxx Presidente dopo Django…

Ah però... 6.5 -7.5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...