Recensione Film: Spectre

SpectreFilm del 2015
Diretto da Sam Mendes
Genere: azione, avventura, thriller, spionaggio
Durata: 148 minuti
Con:
Daniel Craig: James Bond
Christoph Waltz: Blofeld
Léa Seydoux: Madeleine Swann
Ralph Fiennes: Gareth Mallory / M
Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Seguendo le direttive contenute in un messaggio postumo del precedente M, James Bond si reca a Città del Messico dove uccide Marco Sciarra, membro di un’ignota organizzazione criminale che stava pianificando un attentato. Bond prende l’anello dell’uomo e torna a Londra, dove il nuovo M, Gareth Mallory, lo sospende per aver agito senza autorizzazione, causando un grave incidente diplomatico. Successivamente, M incontra il nuovo capo dei servizi segreti congiunti, Max Debingh (nome in codice “C”), che lo informa della sua volontà di unire i servizi segreti di tutto il mondo e le loro conoscenze per poter sospendere l'”antiquato” programma 00. A tal proposito, Debingh vorrebbe far approvare un programma, chiamato i “Nove Occhi”, che però non riesce mai a raggiungere l’unanimità dei voti; M rimane scettico riguardo al progetto, paragonandolo ironicamente al Grande Fratello orwelliano. Sempre seguendo le ultime volontà dell’ex-M, Bond si reca segretamente a Roma per presenziare al funerale di Sciarra, facendo conoscenza della vedova dell’uomo, Lucia. Dopo averla sedotta, riesce ad infiltrarsi nella riunione dell’organizzazione di cui il marito faceva parte, ma viene scoperto dal capo di questa, Franz Oberhauser, una figura appartenente al passato dell’agente segreto. In ogni caso, prima di dover fuggire, Bond scopre che tale organizzazione gestisce numerosi traffici illegali ed è collegata a diversi attentati avvenuti di recente.
Commento: Ero molto “ansioso” di vedere questo film dopo Skyfall. Questo Bond “cattivo” mi piace molto rispetto agli edulcorati comportamenti dei vari Bond del passato. Purtroppo pur mantenendo le promesse sul protagonista devo dire che i film personalmente l’ho trovato pieno di forzature, stereotipi e lungaggini tali da renderlo noioso, prevedibile e banale. La Bellucci è un pretesto per mostrarci un’italiana bellissima in reggicalze secondo lo stereotipo dell’occhio americano (Bond la chiama “Donna Lucia”…). In sostanza tutto molto scenografico ma vuoto… E il cattivo sarebbe diventato il capo dello Spectre per un complesso di gelosia nei confronti di Bond e del proprio padre? Va beh…
Voto: 5 Bored, James Bored…

che dormita 5

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...