Recensione Film: Revenant – Redivivo

RevenantFilm del 2015
Diretto da Alejandro González Iñárritu
Genere: biografico, avventura, drammatico,
Durata: 156 min
Con:
Leonardo DiCaprio: Hugh Glass
Tom Hardy: John Fitzgerald
Domhnall Gleeson: Andrew Henry
Will Poulter: Jim Bridger
Forrest Goodluck: Hawk

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Nord Dakota, 1823: il trapper Hugh Glass, assunto come guida per una battuta di caccia alla ricerca di pelli e pellicce, sfugge a un attacco di indiani Arikara, durante il quale comunque vengono uccisi 33 uomini della spedizione. Con lui si salvano una dozzina di uomini, tra cui anche il figlio adolescente Hawk, avuto dalla moglie, una donna Pawnee, uccisa anni prima durante un attacco di soldati americani al loro villaggio indiano. Preoccupati dal fatto che gli indiani siano sulle loro tracce, gli uomini abbandonano la barca su cui stanno ridiscendendo il fiume, nascondono le pelli salvate dall’attacco degli indiani e decidono di tornare al loro villaggio a piedi, preferendo la prospettiva di settimane di cammino al freddo alla possibilità di venire accerchiati e attaccati lungo il corso del fiume.

Commento: Se la trama di per sé è semplice (lotta per la sopravvivenza alimentata dalla vendetta) in realtà credo che il film dica molto di più. A parte la scenografia e la fotografia, entrambe naturali e da far rimanere senza fiato (la Bow Valley, che fa parte delle location, l’ho vista dal vivo ed è davvero meravigliosa) ci sono cose evidenti e reiterate che sono simboli, soprattutto dei nativi americani a cui il nostro Glass è fortemente ispirato. E’ un film lento, come lo è la Natura nei suoi ritmi ineluttabili (le frane, le meteore, il disgelo, lo sviluppo di una foresta, il letargo, lo scorrere dei fiumi). E’ un film espressivo e non solo grazie alla strepitosa performance di Leonardo DiCaprio: Iñárritu usa la Natura non solo come pura ambientazione o nemesi Enorme dell’uomo nella propria Piccolezza. Gli alberi, la neve, l’orso ed anche il respiro del vento sono tutti simboli oltre che presenze reali e tutt’altro che in sottofondo. In sostanza è un film davvero molto interessante per come è girato e per cosa rappresenta e anche per come usa lo spettatore che è tale tranne nella scena finale in cui viene tirato in causa in maniera davvero molto forte (non dico nulla perché non voglio fare spoiler).
Concludendo: un film denso di temi e la cui storia è quasi un pretesto per la narrazione ad un livello non immediatamente riconoscibile. Bello anche per il coraggio di come è stato girato e di alcune scene davvero incredibili (quella della lotta con l’orso personalmente l’ho trovata un milione di volte più paurosa di qualsiasi scena di film horror mai vista). Gli attori sono tutti eccezionali. Da rivedere.
Voto: 9 Respira e combatti.

bellissimo - 8 e più

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...