Recensione Libri: “Estinzione” di James Rollins

estinzioneGenere : Azione
Autore: James Rollins
Editore: Editrice Nord
Anno: 2014
Pagine: 480
Titolo originale: The Sixth Extinction

Trama tratta dal sito Editrice Nord: 1832: Affascinato da una misteriosa rotta segnata su una mappa antichissima, Charles Darwin decide di spingere il Beagle sempre più a Sud, fino a lambire i ghiacci dell’Antartide. Ma ciò che vedrà lo convincerà a bruciare il resoconto di quella spedizione e a distruggere ogni prova dell’esistenza di un luogo maledetto.
California, oggi. Uccideteci tutti. È questa l’agghiacciante richiesta che arriva da un laboratorio militare segreto. E infatti, quando la squadra di soccorso arriva sul posto, è ormai troppo tardi per intervenire. Perché nel raggio di cinque chilometri intorno al sito, ogni forma di vita ha cessato di esistere.
Washington, oggi. Un gruppo di uomini armati irrompe nella sede della DARPA ed elimina l’unico biotecnologo in grado di dare un senso ai dati sconcertanti raccolti nella zona del disastro. A Gray Pierce rimane quindi solo una possibilità: rivolgersi ad Alex Harrington, un controverso scienziato di fama mondiale che, negli ultimi tempi, aveva intrattenuto una fitta corrispondenza col direttore del centro californiano. Harrington è disposto a collaborare, però a condizione che Gray lo raggiunga nella sua stazione di ricerca in Antartide. L’agente della Sigma è troppo esperto per non sospettare che si tratti di una trappola, ma deve correre il rischio, se vuole salvare l’umanità dall’estinzione…

Commento: Interessanti teorie sull’estinzione e la sopravvivenza del genere umano/animale. Molti dettagli scientifici e militari che appesantiscono la narrazione e che, onestamente, sembrano essere scritti un po’ per autocompiacimento dell’autore. La trama è comunque avvincente (sulla falsariga di tutti i romanzi inerenti alla Sigma Force) e al solito i protagonisti oltre che belli, bravi, intelligenti sono pure abili in ogni arte militare e bellica oltre che scientifica. In sostanza, un classico alla Rollins che “tiene” comunque fino al termine (lieto con un retrogusto amaro).

Voto: 7 Per chi non crede a Jurassic Park

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...