Recensione Film: Questione di tempo

questione-di-tempoFilm del 2013
Diretto da Richard Curtis
Genere: commedia, drammatico, fantastico, sentimentale
Durata: 123 min.
Con:
Domhnall Gleeson: Tim
Rachel McAdams: Mary
Bill Nighy: padre di Tim
Lydia Wilson: Kit Kat
Margot Robbie: Charlotte

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : La notte seguente al solito capodanno insoddisfacente, il padre di Tim confida al figlio un segreto di famiglia: tutti gli individui di sesso maschile di stirpe paterna nella sua famiglia hanno sempre avuto la capacità di viaggiare nel tempo. Tim non può cambiare la sua intera storia, ma può modificare i singoli avvenimenti per correggere il proprio futuro. Non tutti i tentativi andranno a buon fine, specialmente i primi. Nel corso del film il ragazzo si troverà a rivivere spesso gli stessi momenti assumendosi importanti responsabilità sui risvolti positivi o negativi delle vicende, cancellando spesso la linea temporale della propria vita.

Commento: Io amo i film sui viaggi nel tempo perchè mi affascina l’argomento come ho già espresso numerose volte o come in questo articolo che ho pubblicato. Questo film ha dalla sua ottimi attori (il simpatico Bill Nighy, lo stralunato Domhnall Gleeson e la bellissima Rachel McAdams) ed una variazione sul tema divertente: non si può modificare il passato storico (tipo “uccidere Hitler”) ma soltanto la propria vita vissuta. Il film diverte, commuove anche se soffre di una certa lentezza nella fase centrale ma si risolleva nel finale. Tra l’altro Rachel McAdams è suo malgrado succube dei viaggitori del tempo come in Un amore all’improvviso.

Se vi chiedete invece dove avete già visto Domhnall Gleeson ve lo dico io: in almeno due film come Ex-machina e Star Wars: il risveglio della forza.

In sostanza un film leggero e sufficientemente divertente che dimentica in parte i paradossi temporali, a questo proposito infatti dopo il voto metto uno spoiler su quello che reputo un errore di sceneggiatura.

 

Voto: 7.5 Anch’io a volte tornerei indietro però…

Ah però... 6.5 -7.5

SPOILER:

 

 

 

 

 

 

 

Ad un certo punto il padre di Tim rivela al figlio che se torna indietro nel tempo a prima della nascita di un bambino questo non nascerà più e sarà un altro individuo per via della casualità (la fecondazione di uno specifico ovulo da parte di uno specifico spermatozoo in uno specifico istante). Tim lo scopre da sé dopo essere tornato indietro a prima della nascita della sua bambina per salvare la sorella dall’alcolismo e infatti non ha più una bimba ma un bimbo (a parte che se ha rivissuto fino al giorno prima in questa linea temporale come è che si accorge solo quando il bimbo ha almeno due anni che non è lo stesso di prima… mah).
Facciamo finta di niente e di considerare soltanto la cosa dal nostro punto di vista e non da quello dei protagonisti. Ma non è solo questo l’errore.

Comunque Tim decide di ritornare nuovamente indietro ma solo “a dopo” la nascita della bimba per non perderla. E fin qui tutto bene, la linea temporale originale è stata reimpostata.
Però verso l’epilogo del film il padre di Tim muore e Tim torna spesso nel recente passato per trovarlo prima che arrivi il giorno del trapasso. In uno di questi “passi indietro” il padre vuole rivivere con lui in pratica di nuovo tutta la vita e infatti si vedono entrambi su una spiaggia con Tim che ha circa 9 anni. Ma a questo punto quando ritroviamo Tim adulto e di nuovo orfano lui ha la stessa solita bimba (più altri figli più piccoli)… quando stando la teoria del film non sarebbe possibile. Chiaro no?🙂

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...