Recensione Film: Captain America: Civil War


captain-america-civil-war-posterFilm del 2016
Diretto da Anthony e Joe Russo
Genere: azione, fantascienza
Durata: 147 min.
Con:

Chris Evans: Steve Rogers / Captain America
Robert Downey Jr.: Tony Stark / Iron Man
Scarlett Johansson: Natasha Romanoff / Vedova Nera
Sebastian Stan: Bucky Barnes / Soldato d’Inverno
Anthony Mackie: Sam Wilson / Falcon
Don Cheadle: James Rhodes / War Machine
Jeremy Renner: Clint Barton / Occhio di Falco
Chadwick Boseman: T’Challa / Pantera Nera
Paul Bettany: Visione
Elizabeth Olsen: Wanda Maximoff / Scarlet Witch
Paul Rudd: Scott Lang / Ant-Man
Emily VanCamp: Sharon Carter / Agente 13
Tom Holland: Peter Parker / Spider-Man
Frank Grillo: Brock Rumlow / Crossbones
William Hurt: Thaddeus Ross
Daniel Brühl: Helmut Zemo

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Nel 1991, gli agenti dell’HYDRA in Siberia risvegliano Bucky Barnes dal suo sonno criogenico e lo trasformano nel Soldato d’Inverno, condizionandolo mentalmente in modo che obbedisca a chiunque reciti una specifica combinazione di parole. In seguito Bucky viene inviato a recuperare da un’automobile una valigetta contenente dei campioni di siero del super-soldato, e uccide gli occupanti del veicolo.

Nel presente, approssimativamente un anno dopo la battaglia di Sokovia, Steve Rogers, Natasha Romanoff, Sam Wilson e Wanda Maximoff impediscono a Brock Rumlow di rubare un’arma biologica da un laboratorio a Lagos, Nigeria. Durante lo scontro Rumlow aziona un giubbotto esplosivo, suicidandosi; Wanda limita l’esplosione, uccidendo però diversi volontari del Wakanda, e aumentando la sfiducia della comunità internazionale nei confronti degli Avengers.

Al quartier generale degli Avengers, il segretario di stato Thaddeus Ross informa gli Avengers che le Nazioni Unite hanno stipulato gli Accordi di Sokovia, che stabiliranno un ente governativo internazionale per monitorare i superumani, il cui numero è in rapida crescita, e decidere quando chiedere l’intervento degli Avengers. La squadra è divisa; Tony Stark sostiene la necessità di una supervisione esterna poiché si sente in colpa per aver creato Ultron e la conseguente distruzione di Sokovia, mentre Rogers fatica a fidarsi dei governi e delle istituzioni dopo la caduta dello S.H.I.E.L.D., e ritiene che gli Avengers debbano essere liberi di decidere di propria volontà quando intervenire.

Commento: Ero ben disposto per questo film: Civil War, non so se mi spiego! Gli ingredienti ci sono tutti, come il cast davvero super ma, seppur ben confezionato e divertente, il film mi pare poco coinvolgente e per nulla avvincente. E’ la storia che manca. Le motivazioni del villain di turno sono pretenziose come la lotta intestina agli Avengers. In sostanza un gran bel circo di super-eroi con ingresso di nuovi personaggi (pronti per spin-off e sequel, ritengo) ma niente di più. Un peccato a mio avviso. A latere: ma quanti SpiderMan differenti ci stanno propinando negli ultimi 15 anni?

Voto: 7 Boom Crash Bang!

si puo vedere distrattamente - 6

Annunci

Recensione Film: Avengers: Age of Ultron


UltronFilm del 2015
Diretto da Joss Whedon
Genere: azione, fantascienza, supereroi, avventura
Con:

Robert Downey Jr.: Tony Stark / Iron Man
Chris Hemsworth: Thor
Mark Ruffalo: Bruce Banner / Hulk
Chris Evans: Steve Rogers / Capitan America
Scarlett Johansson: Natasha Romanoff / Vedova Nera
Jeremy Renner: Clint Barton / Occhio di Falco
Don Cheadle: James Rhodes / War Machine
Aaron Taylor-Johnson: Pietro Maximoff / Quicksilver
Elizabeth Olsen: Wanda Maximoff / Scarlet
Paul Bettany: Visione
Cobie Smulders: Maria Hill
Anthony Mackie: Sam Wilson / Falcon
Hayley Atwell: Peggy Carter
Idris Elba: Heimdall
Stellan Skarsgård: Erik Selvig
James Spader: Ultron
Samuel L. Jackson: Nick Fury

Trama tratta da Wikipedia :A Sokovia, un paese dell’Europa orientale, i Vendicatori (Iron Man, Capitan America, Thor, Hulk, Vedova Nera e Occhio di Falco) attaccano una base dell’HYDRA comandata dal barone Wolfgang von Strucker, il quale sta effettuando degli esperimenti sugli esseri umani utilizzando lo scettro di Loki…

Commento: Begli attori, supereroi mitici, belle scenografie (vedi Forte di Bard in Val d’Aosta) e scene mozzafiato. Tutto perfetto? Quasi: carini gli intermezzi spiritosi e la quasi love-story tra Natasha e Bruce banner. A volte si vede lontano un miglio che c’è tantissima computer grafica e il risultato è artefatto (come ne “Lo hobbit” i salti, le corse a dorso di qualcosa sono “finte”, molto Playstation, intendo). Ciò non toglie che si aggiungono anche nuovi super-eroi (bellissimo l’inserimento di Visione che, al pari dell’Uomo ragno era il MIO super-eroe degli anni ’70). In generale quindi un bel sequel degli Avengers, molto fracassone e divertente anche se, al solito, troppo lunga la durata… e la porta è aperta ad un ulteriore sequel 🙂

Voto: 7.5 Sbam! Bum!

Ah però... 6.5 -7.5

Recensione Film: Flight


Film del 2012
Genere: Drammatico
Diretto da Robert Zemeckis
Con:

Denzel Washington: Whip Whitaker
Tamara Tunie: Margaret Thomason
John Goodman: Harling Mays
Kelly Reilly: Nicole Maggen
Melissa Leo: Ellen Block
Don Cheadle: Hugh Lang
Nadine Velazquez: Katerina Marquez
Bruce Greenwood: Charlie Anderson
Brian Geraghty: Ken Evans

Trama parzialmente tratta da Wikipedia: Il comandante di aerei di linea William “Whip” Whitaker si sveglia nella sua stanza d’albergo a Orlando insieme all’assistente di volo Katerina Márquez, dopo una notte di sesso, alcol e pochissimo sonno. Quella stessa mattina ha un aereo da pilotare, quindi usa della cocaina per smaltire velocemente la sbornia e si imbarca sul volo SouthJet 227 per Atlanta. Al decollo Whip supera una brutta turbolenza e successivamente cede i comandi al copilota Ken Evans, in seguito si prepara un cocktail di vodka e succo d’arancia e si mette a dormire.

Whip viene bruscamente svegliato da uno scossone poco prima dell’atterraggio previsto, quando l’aereo subisce quello che apparentemente è un guasto catastrofico dei sistemi di controllo del velivolo…

Commento: Denzel è un grande. Il film dopo un inizio spettacolare vira tutto verso il lato interiore di un uomo, un eroe con molte ombre e paure. Il film è forse un po’ troppo lungo ma in fondo è proprio nei tempi (frenetici) e nel modo in cui il protagonista riesce ad affrontarli (con l’aiuto di alcol e droga) che si spiega il necessario rallentamento della cinepresa sui dettagli. Non aspettatevi Airport o simili perché qui quello che precipita è soprattutto l’animo umano. Non male.

Voto: 7 Adesso chi prende un aereo con tranquillità?

Ah però... 6.5 -7.5

Recensione Film: Iron Man 3


Film del 2013
Diretto da Shane Black
Genere: Fantastico
Con:
Robert Downey Jr.: Tony Stark/Iron Man
Gwyneth Paltrow: Pepper Potts
Don Cheadle: James Rhodes/Iron Patriot
Guy Pearce: Aldrich Killian
Ben Kingsley: Il Mandarino
Jon Favreau: Happy Hogan
Rebecca Hall: Maya Hansen

Trama : Svizzera 1999: Alla festa di Capodanno Tony Stark viene avvicinato da un goffo scienziato, Aldrich Killian, che gli propone di entrare in affari con la propria azienda, la AIM. Il nostro che è impegnato come playboy si dimentica dell’appuntamento promesso in cima all’hotel e passa invece la notte con un’affascinante biologa, la Dott.ssa Hansen.
Dopo il prologo ci ritroviamo al giorno d’oggi in cui un terrorista che si fa chiamare il Mandarino compie attentati affidandosi a martiri suicidi fino a provocare il risentimento di Tony Stark che lo sfida a viso scoperto: chiede al Mandarino di andarlo a trovare dandogli il proprio indirizzo e il terrorista non si fa attendere… Le bombe umane sembrano ricondurre alla tecnologia della Dott.ssa Hansen e all’azienda di Killian. Da qui si snoda il racconto con il nostro eroe colto da dubbi, paure (veri propri attacchi di panico nati a seguito dell’avventura newyorkese raccontata in “Avengers”) e fragilità umane. Tutto condito da marchingegni sempre più evoluti, armature telecomandate, battute di spirito…

Commento: Nell’attuale trilogia lo metto al secondo posto dopo il primo capitolo ma comunque davanti al secondo lungometraggio. Seppur esagerato cerca di renderci un eroe più umano e sfaccettato, sempre arrogante e determinato ma che, finalmente, ha dei dubbi e soprattutto, forse, capisce di non essere invincibile (e lo capirà per assurdo quando sarà obbligato ad agire senza l’involucro protettivo di Iron Man). Il film appassiona, diverte e si fa seguire fino al termine con molto piacere, e c’è anche spazio per un notevole colpo di scena. Posso dire senza ombra di dubbio che il personaggio (soprattutto Tony Stark più che Iron Man) è il migliore della squadra Marvel portata sul grande schermo e in gran parte il merito è di Robert Downey Jr. In sostanza un film che mantiene quello che promette in tutto e per tutto, assolutamente divertente. Per tutti gli appassionati del genere è un must.

Voto: 8 Per quelli che… un’armatura non basta

bellissimo - 8 e più

Recensione Film: Iron Man 2


Film del 2010 diretto da Jon Favreau con Robert Downey Jr., Gwyneth Paltrow, Don Cheadle, Scarlett Johansson, Samuel L.Jackson, Jon Favreau, Sam Rockwell (Justin Hammer) e Mickey Rourke.

Il film riparte col mondo che ormai sa che Tony Stark è Iron Man. L’esercito preme per avere l’armatura e creare un esercito corazzato ma il nostro non ci sente. Nel frattempo in Russia un uomo sta costruendosi un’imbracatura con due fruste elettriche. E’ Ivan Vanko, figlio di un collega del padre di Stark che lo accusa di aver tenuto per sé tutti gli onori delle scoperte di entrambi. L’incontro tra i due avviene sul circuito cittadino di Montecarlo mentre un competitor (Justin Hammer) delle Stark Industries fa di tutto per accaparrarsi l’appalto futuro delle armi non convenzionali dell’esercito americano.

Film pirotecnico in cui l’effetto speciale la fà da padrone. Meno introspettivo rispetto all’episodio 1 ma comunque divertente, basta lasciare il ragionamento fuori dalla sala e ci si diverte. S’intravedono poi, per gli amanti Marvel, la Vedova Nera e Nick Fury e, in una scena spiritosa, lo scudo di Capitan America usato come appoggio…

Voto: 7 Sfolgorante

Recensione Film : Ocean’s Thirteen (13)


Ennesimo capitolo (il terzo contando dall’11) di film di Steven Soderberg con il gruppo di ladri capeggiati da Danny Ocean (George Clooney).
Anche questa volta, come nei due precedenti episodi, ritroviamo tutto il clan di esperti nell’impadronirsi l’altrui ricchezza (a Las Vegas) composto da un cast di attori davvero da paura: George Clooney, Elliott Gould, Brad Pitt, Matt Damon, Don Cheadle, Casey Affleck ed Andy Garcia, Eleln Barkin nonchè Al Pacino. Questa volta manca all’appello Julia Roberts. Aspettiamola nel 14°?

La trama – pur differenziandosi nell’innesco che qui è la vendetta – è praticamente la stessa degli altri 2 titoli oceanici: escogitare un sistema per derubare qualcuno di molto , ma molto, ricco. Tutto qui.
Chiaramente si gioca molto sulla simpatia, fascino, carisma e bellezza dei protagonisti; sulle ambientazioni spettacolose e sui mezzi tecnologici ingegnosi che i nostri utilizzano per raggiungere il fine. In questo lo accomuno a film come “Mission Impossible”, “oo7” ed “Italian Job”.

Il film è “abbastanza” divertente e per nulla imprevedibile, il finale non mi hato gran soddisfazione e il senso che mi rimane appiccicato addosso è che questo film sia una sorta di reunion, una rimpatriata tra amici (il regista con gli attori) che si divertono a fare un film invece di farsi una grigliata in giardino. Guadagnadoci uno sproposito, oltretutto!

Che dire di altro?
Un film bello a vedersi ma vuoto, giusto per passatempo ecco…

Voto : 6 [Si può vedere anche senza entusiasmarsi]

Ciao, J