Recensione Film: Il caso Thomas Crawford


Film del 2007
Diretto da Gregory Hoblit
Con:
Anthony Hopkins: Thomas Crawford
Ryan Gosling: Willy Beachum
Billy Burke: Ten. Robert Nunally
David Strathairn: Joe Lobruto
Cliff Curtis: Det. Flores
Embeth Davidtz: Jennifer Crawford
Rosamund Pike: Nikki Gardner
Genere: Thriller legale / Drammatico
Trama parzialmente tratta da Wikipedia: Thomas Crawford è un ingegnere aeronautico che scopre la relazione extraconiugale della giovane moglie Jennifer con il poliziotto Robert Nunally, così decide di ucciderla mettendo in atto un piano perfetto. In seguito l’uomo viene arrestato proprio dall’amante di sua moglie a cui rilascia anche una confessione. Quello che sembrava un caso all’apparenza semplice si dimostra più complicato del previsto. Ad occuparsene è l’assistente distrettuale Willy Beachum che sta per essere assunto da un prestigioso studio legale. Ma i suoi sogni di gloria vanno in pezzi quando si scopre che la pistola consegnata da Crawford non è l’arma del delitto e che quest’ultima risulta introvabile…

Commento: Bel film alla Grisham. Antony Hopkins mette i brividi come ai tempi del “Silenzio degli innocenti) e Ryan Goslin si fa apprezzare per un personaggio che si evolve durante la pellicola. La storia che sembra semplice è poi via via complicata e l’intreccio è comunque lineare e comprensibile. Una storia con una sceneggiatura davvero ben fatta e un finale che non dispiace. Il film in originale si intitola “Fracture” (Rottura o frattura) ed è riferita alle “crepe” dell’uovo che spiega Crawford all’avvocato nel primo dialogo in carcere.
Un film davvero intenso, da vedere.

Voto: 7.5 Ottima sceneggiatura

Ah però... 6.5 -7.5

Annunci