Recensione Film: Arrival


Film del 2016
Diretto da Denis Villeneuve
Genere: fantascienza
Durata: 116 minuti
Con:
Amy Adams: Louise Banks
Jeremy Renner: Ian Donnelly
Forest Whitaker: colonnello Weber
Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Dodici misteriose astronavi extraterrestri, soprannominate “gusci” da parte dei militari degli Stati Uniti, appaiono in tutta la Terra. Non è chiaro il motivo per cui siano arrivate o se vi sia una logica dietro la scelta dei luoghi dell’atterraggio. La linguista Louise Banks viene selezionata per far parte di una squadra speciale di esperti, istituita per tentare di comunicare con la specie aliena nel sito di atterraggio del Montana. La donna ha l’incarico di chiedere agli alieni da dove vengano e quali siano le loro intenzioni. Fanno parte della squadra anche il fisico teorico Ian Donnelly e il colonnello Weber dell’esercito statunitense.

Commento: Dimenticate Indipendence Day, Star Trek, La Guerra dei Mondi. Questo film di Fantascienza esplora le paure dell’uomo verso l’ignoto, l’impotenza dovuta all’incomunicabilità e al riproporsi degli eventi nel tempo. E’ un viaggio nel tempo attraverso il linguaggio, non è H.G.Wells ovviamente ma il tentativo di allargare il concetto di spazio/tempo immaginando che per poter progredire sia necessario essere uniti. Un film visuale ed introspettivo co una Amy Adams davvero brava. L’atmosfera rarefatta, gli alieni sono paurosi come può essere il buio prima di accendere la lampadina in una stanza. Un film intenso e riflessivo, non è per chi ama botte ed effetti speciali o spade laser. Bello.
Voto: 8 Il tempo delle parole

TRAILER

Recensione Film: Captain America: Civil War


captain-america-civil-war-posterFilm del 2016
Diretto da Anthony e Joe Russo
Genere: azione, fantascienza
Durata: 147 min.
Con:

Chris Evans: Steve Rogers / Captain America
Robert Downey Jr.: Tony Stark / Iron Man
Scarlett Johansson: Natasha Romanoff / Vedova Nera
Sebastian Stan: Bucky Barnes / Soldato d’Inverno
Anthony Mackie: Sam Wilson / Falcon
Don Cheadle: James Rhodes / War Machine
Jeremy Renner: Clint Barton / Occhio di Falco
Chadwick Boseman: T’Challa / Pantera Nera
Paul Bettany: Visione
Elizabeth Olsen: Wanda Maximoff / Scarlet Witch
Paul Rudd: Scott Lang / Ant-Man
Emily VanCamp: Sharon Carter / Agente 13
Tom Holland: Peter Parker / Spider-Man
Frank Grillo: Brock Rumlow / Crossbones
William Hurt: Thaddeus Ross
Daniel Brühl: Helmut Zemo

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Nel 1991, gli agenti dell’HYDRA in Siberia risvegliano Bucky Barnes dal suo sonno criogenico e lo trasformano nel Soldato d’Inverno, condizionandolo mentalmente in modo che obbedisca a chiunque reciti una specifica combinazione di parole. In seguito Bucky viene inviato a recuperare da un’automobile una valigetta contenente dei campioni di siero del super-soldato, e uccide gli occupanti del veicolo.

Nel presente, approssimativamente un anno dopo la battaglia di Sokovia, Steve Rogers, Natasha Romanoff, Sam Wilson e Wanda Maximoff impediscono a Brock Rumlow di rubare un’arma biologica da un laboratorio a Lagos, Nigeria. Durante lo scontro Rumlow aziona un giubbotto esplosivo, suicidandosi; Wanda limita l’esplosione, uccidendo però diversi volontari del Wakanda, e aumentando la sfiducia della comunità internazionale nei confronti degli Avengers.

Al quartier generale degli Avengers, il segretario di stato Thaddeus Ross informa gli Avengers che le Nazioni Unite hanno stipulato gli Accordi di Sokovia, che stabiliranno un ente governativo internazionale per monitorare i superumani, il cui numero è in rapida crescita, e decidere quando chiedere l’intervento degli Avengers. La squadra è divisa; Tony Stark sostiene la necessità di una supervisione esterna poiché si sente in colpa per aver creato Ultron e la conseguente distruzione di Sokovia, mentre Rogers fatica a fidarsi dei governi e delle istituzioni dopo la caduta dello S.H.I.E.L.D., e ritiene che gli Avengers debbano essere liberi di decidere di propria volontà quando intervenire.

Commento: Ero ben disposto per questo film: Civil War, non so se mi spiego! Gli ingredienti ci sono tutti, come il cast davvero super ma, seppur ben confezionato e divertente, il film mi pare poco coinvolgente e per nulla avvincente. E’ la storia che manca. Le motivazioni del villain di turno sono pretenziose come la lotta intestina agli Avengers. In sostanza un gran bel circo di super-eroi con ingresso di nuovi personaggi (pronti per spin-off e sequel, ritengo) ma niente di più. Un peccato a mio avviso. A latere: ma quanti SpiderMan differenti ci stanno propinando negli ultimi 15 anni?

Voto: 7 Boom Crash Bang!

si puo vedere distrattamente - 6

Recensione Film: Mission Impossible – Rogue nation


MissionImpossible5Film del 2015
Diretto da Christopher McQuarrie
Genere: azione, spionaggio, thriller
Durata: 131 Minuti
Con:
Tom Cruise: Ethan Hunt
Jeremy Renner: William Brandt
Simon Pegg: Benji Dunn
Rebecca Ferguson: Ilsa Faust
Ving Rhames: Luther Stickell
Alec Baldwin: Alan Hunley
Sean Harris: Solomon Lane

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Dopo aver intercettato una vendita di gas nervino a dei terroristi, l’agente dell’Impossible Mission Force (IMF) Ethan Hunt si pone come obiettivo di provare l’esistenza del Sindacato, un’attività criminale internazionale fino ad allora ignota alla Central Intelligence Agency (CIA). Ethan Hunt viene catturato dal Sindacato, ma…

Commento:Tom Cruise è d’acciaio! Ora: come attore non l’ho mai amato molto perché a mio avviso è piuttosto “pietrificato” nelle espressioni e molto esagerato nelle gestualità ma, nel ruolo del super-agente Hunt è davvero bravo e soprattutto molto preparato atleticamente (se è tutta farina del suo sacco come sbandierato dalla produzione). Comunque, Cruise a parte (bravo e credibile nel ruolo), è il film a reggere ancora dopo 5 episodi. Perfetta anche Rebecca Ferguson / Ilsa Faust contraltare britannico di Ethan. Personalmente ho trovato il film molto spettacolare e divertente, il finale un po’ poco soddisfacente alle aspettative e l’intreccio ben realizzato. Le location sono sempre magnifiche come gli stunts, la storia ha il fascino esotico delle migliori spy-stories e tutti i magnifici ammennicoli del kit dell’Agente Segreto sono la chicca finale a questo bel film. In sostanza un ottimo film da sgranocchio (pop-corn) e coca-cola.

Voto: 8 Ma il check-in no?

Ah però... 6.5 -7.5

Recensione Film: Avengers: Age of Ultron


UltronFilm del 2015
Diretto da Joss Whedon
Genere: azione, fantascienza, supereroi, avventura
Con:

Robert Downey Jr.: Tony Stark / Iron Man
Chris Hemsworth: Thor
Mark Ruffalo: Bruce Banner / Hulk
Chris Evans: Steve Rogers / Capitan America
Scarlett Johansson: Natasha Romanoff / Vedova Nera
Jeremy Renner: Clint Barton / Occhio di Falco
Don Cheadle: James Rhodes / War Machine
Aaron Taylor-Johnson: Pietro Maximoff / Quicksilver
Elizabeth Olsen: Wanda Maximoff / Scarlet
Paul Bettany: Visione
Cobie Smulders: Maria Hill
Anthony Mackie: Sam Wilson / Falcon
Hayley Atwell: Peggy Carter
Idris Elba: Heimdall
Stellan Skarsgård: Erik Selvig
James Spader: Ultron
Samuel L. Jackson: Nick Fury

Trama tratta da Wikipedia :A Sokovia, un paese dell’Europa orientale, i Vendicatori (Iron Man, Capitan America, Thor, Hulk, Vedova Nera e Occhio di Falco) attaccano una base dell’HYDRA comandata dal barone Wolfgang von Strucker, il quale sta effettuando degli esperimenti sugli esseri umani utilizzando lo scettro di Loki…

Commento: Begli attori, supereroi mitici, belle scenografie (vedi Forte di Bard in Val d’Aosta) e scene mozzafiato. Tutto perfetto? Quasi: carini gli intermezzi spiritosi e la quasi love-story tra Natasha e Bruce banner. A volte si vede lontano un miglio che c’è tantissima computer grafica e il risultato è artefatto (come ne “Lo hobbit” i salti, le corse a dorso di qualcosa sono “finte”, molto Playstation, intendo). Ciò non toglie che si aggiungono anche nuovi super-eroi (bellissimo l’inserimento di Visione che, al pari dell’Uomo ragno era il MIO super-eroe degli anni ’70). In generale quindi un bel sequel degli Avengers, molto fracassone e divertente anche se, al solito, troppo lunga la durata… e la porta è aperta ad un ulteriore sequel 🙂

Voto: 7.5 Sbam! Bum!

Ah però... 6.5 -7.5

Recensione Film: The Hurt Locker


 

Film del 2009
Diretto da Kathryn Bigelow
Con:
Jeremy Renner: sergente William James
Anthony Mackie: sergente JT Sanborn
Brian Geraghty: specialista Owen Eldridge
Guy Pearce: sergente Matt Thompson
Ralph Fiennes: capo squadra
David Morse: colonnello Reed
Evangeline Lilly: Connie James
Genere: Guerra / Drammatico
Trama parzialmente tratta da Wikipedia: In Iraq, una squadra di artificieri dell’esercito americano, specializzata nel neutralizzare ogni tipo di ordigno esplosivo, si avventura in una delle tante città irachene colpite dalla guerra. Ognuno dei soldati è preparato per ogni tipo di situazione di pericolo ed affronta a proprio modo il possibile pericolo, lo stress e la paura di un attacco a sorpresa, in un luogo dove ogni oggetto o veicolo potrebbe rivelarsi una minaccia per i soldati americani.

Il sergente Will James è il caposquadra di un’unità di artificieri, formata dal sergente Sanborn e dal soldato Eldridge, che prima era comandata dal collega Thompson, morto in seguito all’esplosione di un ordigno iracheno. I tre affrontano numerose missioni e fronteggiano molti pericoli insieme, uniti dal profondo legame proprio dei soldati in battaglia, talvolta arrivando anche a scontrarsi tra loro per via del carattere di James, coraggioso ma spavaldo e incurante dei pericoli, contrapposto a quello dei due compagni, molto più cauti e razionali.

Commento: 40 giorni con gli artificieri in Iraq. Un soldato che non può vivere senza la guerra, la società “normale” è per lui assurda e inutile. Il film è “solo” questo. Personalmente poi trovo il film una ripetizione di situazioni (chiamata di emergenza, arrivo, disinnesco positivo o negativo). Da’ una visione della situazione bellica in Iraq, della popolazione e dell’esercito e dei loro contrasti ma, onestamente non mi spiego 6 Oscar a questo film piuttosto ripetitivo (se non nei momenti in cui ti aspetti un’esplosione). Mah, non mi è piaciuto molto.
Voto: 6 Per l’ambientazione e la prima scena esplosiva

si puo vedere distrattamente - 6

Recensione Film: The Bourne legacy


 

Film del 2012
Diretto da Tony Gilroy
Con:
Jeremy Renner: Aaron Cross/Kenneth J. Kitsom
Rachel Weisz: Marta Shearing
Edward Norton: Byer
Genere: Azione
Trama parzialmente tratta da Wikipedia: Nonostante il titolo sia lo stesso del romanzo omonimo, la pellicola è di fatto uno spin-off della saga di Bourne, e narra una storia completamente diversa dal romanzo omonimo di Van Lustbader, e il protagonista non è più Jason Bourne, ma un altro agente del programma Treadstone, Aaron Cross.
Il film narra le vicende che accadono nel momento in cui Jason Bourne incontra prima un giornalista del The Guardian, Simon Ross, a Londra, e poi Pamela Landy a New York. L’assistente di Noah Vosen contatta di nascosto un funzionario governativo, Turso, che in seguito riceverà la visita dello stesso direttore della CIA Ezra Kramer; dopodiché è lui a contattare il colonnello Byer, uno degli ideatori dell’aggiornamento di Treadstone e membro chiave del Comando Operazioni Speciali.

Dietro a BlackBriar, il programma ombrello, ci sono diversi programmi per creare agenti dormienti sul modello di Bourne e i suoi primi colleghi; tutti costoro sono militari addestrati ad agire nell’ombra dall’esercito, e solo dopo assegnati alla CIA, tanto che Turso si lamenta con Ezra Kramer dicendogli: Vi è stata data una Ferrari… e l’avete trattata come un tagliaerba!; le rilevazioni della Landy alla stampa rischiano di scoperchiare una pentola più bollente di quanto la stessa Landy creda; diversi di questi agenti sono infiltrati in nazioni o gruppi apertamente ostili agli Stati Uniti, e la loro perdita rappresenta un grosso passo indietro nello spionaggio; tuttavia, Byer è convinto che si debba limitare i danni ad ogni costo; Kramer è pronto a trascinarli tutti dietro di sé in caso finisse male per lui.

Tra i diversi programmi, alcuni sfornano agenti geneticamente modificati, tenuti in riga e in forma grazie a due pillole, una per il corpo e una per la mente; in particolare, Aaron Cross del programma Outcome; Cross, durante le fasi iniziali dello scandalo Treadstone, è in Alaska a riaddestrarsi (l’effetto dovrebbe essere, nelle intenzioni dei suoi controllori, più psicologico che fisico) e in un avamposto di appoggio incontra un altro agente confinato lì, ovvero il killer che ha ucciso Simon Ross a Londra ma ha poi esitato a New York davanti a Bourne…
Commento: Film intreccio in cui non tutto è spiegato (e a volte non si mi sembra molto coerente). A parte questo è un film di genere abbastanza divertente. Bravo Jeremy Renner ma, la storia, non aggiunge nulla di nuovo e assomiglia tanto (troppo) al Bourne precedente. In sostanza, valeva la pena un nuovo capitolo così poco originale? Bah

Voto: 6 Ed ora aspettiamoci Bourne 4 amici per la pelle

si puo vedere distrattamente - 6

Recensione Film: The Avengers


Film del 2012
Diretto da Joss Whedon.
Con Robert Downey Jr. (Tony Stark/Iron Man), Chris Evans (Steve Rogers/Capitan America), Mark Ruffalo (Bruce Banner/Hulk), Chris Hemsworth (Thor), Scarlett Johansson (Natasha Romanoff/Vedova Nera), Jeremy Renner (Clint Barton/Occhio di Falco), Tom Hiddleston (Loki), Samuel L. Jackson (Nick Fury), Clark Gregg (Agente Phil Coulson), Cobie Smulders (Maria Hill), Stellan Skarsgard (Erik Selvig), Gwyneth Paltrow (Pepper Potts)
Genere: Fantastico

Trama: Loki, dio dell’inganno e fratellastro del dio del tuono Thor, riesce ad aprire il varco verso la terra sfruttando il Cubo Cosmico rinvenuto dallo Shield per poter raggiungere la terra ed assoggettarla. L’emergenza porta Nick Fury a dover radunare il gruppo di super-eroi noti come Vendicatori per risolvere la situazione.

Commento: Visto in 3D che, a mio avviso, aggiunge poco o niente al pathos del film. La storia è semplicemente un fumettone e come tale va giudicato. Per cui si sa già come andrà a finire e il divertimento è tutto racchiuso nelle gesta dei nostri beniamini Marvel su cui si elevano Hulk, dal punto di vista fisico e Iron-Man per quello caratteristico e comico. La storia regge, i personaggi affascinano e divertono, la scenografia e la cornice sono stupefacenti come tutti gli fx. Un film che racchiude tutto lo spirito del mondo Marvel (ultrapatriottismo, eroismo, il nemico è solo e sempre cattivo, umorismo e dubbi esistenziali, attriti tra i super-eroi). A me è piaciuto davvero molto e grazie a Robert Downey Jr. / Iron-Man pure molto divertito, le sue battute sdrammatizzano a dovere il lato che spinge verso la rappresentazione del’11 Settembre in chiave fantastica. Un fumettone, come dicevo, esagerato e dai toni (quasi) sempre autoironici. Merita davvero perché coglie il segno: far semplicemente divertire. Prepararsi al sequel…

Voto: 8.5 Ka-boom!

Recensione Film:Mission Impossible: Protocollo Fantasma


Film del 2011
Diretto da Brad Bird
Con Tom Cruise (Ethan Hunt), Jeremy Renner (William Brandt), Simon Pegg (Benji Dunn), Paula Patton (Jane Carter), Josh Holloway (Trevor Hanaway), Michael Nyqvist (Kurt Hendricks)
Genere: Azione
Trama tratta da Wikipedia: Dopo che un attentato terroristico ha distrutto parte del Cremlino, il governo degli Stati Uniti attiva il “protocollo fantasma” poiché l’intera Impossible Mission Force viene accusata dell’attacco mentre la colpa è di Kurt Hendricks, un milionario che vuole ricostruire l’Unione Sovietica, dominare l’Europa e distruggere gli storici rivali degli Stati Uniti d’America. Ethan Hunt e la sua squadra vengono arrestati ma riescono a fuggire, in modo da poter operare al di fuori della loro agenzia, per provare la loro innocenza e allo stesso tempo sventare un attacco nucleare che potrebbe portare alla terza guerra mondiale.

Commento: Ri-ecco SuperTom. Invecchia ma è ancora funzionale al ruolo. Bellissima Paula Patton (mai un’agente racchia eh?). Stupende le scene sul grattacielo a Dubai. Tutto è esagerato, inverosimile…assurdo ed impossibile. Ed è questa la forza di questo spettacolo che avvince con gli occhi senza concedereci il lusso di crederci davvero. Una storia semplice semplice, azione spinta all’estremo, belle macchine, aggeggi tecnologici dal futuro e belle donne bastano a divertire con il classico sacchetto di pop-corn da sgranocchiare sulle ginocchia e il bicchiere fresco di coca-cola a portata di mano (senza distogliere lo sguardo dallo schermo). Un fumettone!

Voto: 7.5 Nel genere si fa apprezzare.

Recensione Film: The Town


Film del 2010 diretto ed interpretato da Ben Affleck con Rebecca Hall, Blake Lively e Jeremy Renner.

Quattro rapinatori di banche prendono in ostaggio la direttrice di una banca. Doug (Ben Affleck) inizia a frequentare la donna inizialmente per scoprire se ha riferito qualche particolare della rapina all’Fbi e, lentamente, se ne innamora contraccambiato. La donna ovviamente è all’oscuro del fatto che Doug sia uno dei rapinatori…

Un buon film poliziesco e d’azione anche se abbastanza prevedibile. E’ interessante per il punto di vista di un uomo che è stato costretto dagli eventi della vita ad un futuro predestinato nella malavita e che tenta di tutto per tirarsene fuori. Scorrevole.

Voto: 6.5
Ciao, J