Recensione Film: Looper


LooperFilm del 2012
Diretto da Rian Johnson
Genere: Fantascienza
Con:
Joseph Gordon-Levitt: Joe 2044
Bruce Willis: Joe 2074
Emily Blunt: Sara
Paul Dano: Seth
Noah Segan: Kid Blue
Piper Perabo: Suzie
Jeff Daniels: Abe
Pierce Gagnon: Cid
Trama parzialmente tratta e rielaborata da Wikipedia :
Nell’anno 2044 Joe è un looper, un killer che lavora uccidendo persone mandate indietro nel tempo dal 2074, in cui, il viaggio nel tempo è da poco divenuto realtà e usarlo è comunque un reato. Infatti il viaggio temporale viene usato esclusivamente dai criminali per inviare nel passato le loro vittime, perché è l’unico modo per eliminare persone senza lasciare tracce nel futuro.
Il termine Looper deriva dal fatto che l’attività dei sicari ingaggiati comporta un pesante prezzo: quando i mandanti vogliono risolvere il contratto con loro, se sono ancora vivi dopo 30 anni, mandano nel passato il futuro assassino e così la loro ultima vittima sarà il se stesso del futuro, chiudendo così il loop (cerchio); in questo modo il contratto è risolto e i looper hanno 30 anni per godersi la vita…

Commento: Premessa: Non cercate la spiegazione logica perchè non c’è e prendetelo per quello che è: un film sul crimine, piuttosto baraccone, in cui ci sono dei viaggi nel tempo!

Il primo impatto con il film è notevole. Amo i film sui viaggi nel tempo e anche in questo caso il risultato è interessante ed affascinante. Il trucco applicato alla faccia di Gordon-Hewitt per renderlo somigliante a Bruce Willis è un po’ distraente però ci si abitua velocemente…
E’ una bella storia su temi noti agli amanti del genere cronologico: il passato modifica il futuro? E’ giusto cambiare le cose conoscendone in anticipo le conseguenze? Tornereste indietro nel tempo ad assassinare un innocente che diventerà un malvagio? E’ giusto eliminare ogni ostacolo che si interpone alla propria felicità?
Tutta la prima parte è in pratica una spiegazione del meccanismo paradossale dell’uomo del futuro che torna al passato per modificare il proprio presente…
Poi prevale il lato morale e sentimentale senza comunque perdere di vista il lato action (altrimenti Bruce Willis che ci sta a fare? 😉  )
Unica nota dolente a mio avviso: inserire un lato “sovrannaturale” con la storia dello Sciamano e dei poteri telecinetici… comunque un escamotage creato ad hoc per permettere la chiusura del cerchio.

Ci sono molte incoerenze e anche cose spiegate un po’ così… tipo perchè un looper debba per forza uccidere proprio sé stesso e non un altro looper senza il rischio (appunto) di decidere di non auto-ammazzarsi? Comunque è un film un po’ fumettone e prendiamo per buono tutto, và 🙂
Un film piuttosto crudo ma che non ha affatto deluso, anzi. Una belle prova di JGH anche se a volte scimmiotta un po’ troppo le espressione del suo io futuro. Divertente e fa anche riflettere.

Voto: 7 Ma se io scrivo il post oggi e lo pubblico con la data di ieri sto scrivendo dal futuro? 🙂

Ah però... 6.5 -7.5

Annunci

Recensione Film: Ruby Sparks


Film del 2012
Diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris
Con:
Paul Dano: Calvin Weir-Fields
Zoe Kazan: Ruby Sparks
Antonio Banderas: Mort
Annette Bening: Gertrude
Chris Messina: Harry

Genere: Commedia / Fantasy

Trama parzialmente tratta da Wikipedia: Calvin è uno scrittore che molto giovane ha conosciuto il successo, ma ora sta attraversando un periodo di crisi, sia lavorativa che sentimentale. Nonostante sia afflitto dal blocco dello scrittore, Calvin riesce a creare Ruby, il personaggio femminile del suo prossimo romanzo prendendone ispirazione da un sogno. Tutto si complica quando Ruby si presenta davanti a lui in carne e ossa: Calvin rimane sconvolto dalla possibilità che la sua “creatura” abbia preso vita…

Commento: Film particolare, a tratti anche drammatico (pur restano un film commedia e anche fantasy in un certo qual senso). La storia è simpatica e sia il decorso che l’epilogo sono coerenti (rimango in dubbio su come potesse essere gestito un ulteriore avanzamento della storia ma comunque non c’entra molto col senso generale del film). In sostanza una versione della donna esplosiva in chiave però romantica, dove il creatore in sostanza trasferisce soprattutto il proprio desiderio sociale e i propri sentimenti nella propria creatura, con le conseguenze del caso. Divertente la battuta di Harry, il fratello di Calvin, quando scopre Ruby e da dove viene e chiede a Calvin di “non deludere tutto il genere maschile” (non dico altro). Un film interessante e non banale, divertente e attori bravi. Non male davvero.

Voto: 7

Ah però... 6.5 -7.5

Recensione Film vari


Un post con alcune recensioni “striminzite” causa mancanza di tempo.

Thor Genere: Fantastico
Bello sia il contesto scenografico che l’attore (come mi fanno notare le donzelle in visibilio di tutti quegli addominali) ma il film a mio avviso, pur con la regia di Kenneth Branagh, non è sorretto da una storia molto forte: esile sceneggiatura e nemesi del Dio del Tuono insignificante.

Voto: 6 Non si sente il tuono
________________________________________

Tre all’improvviso Genere: Commedia romantica
Commedia con il finale incorporato già nel titolo ma, seppur prevedibile, abbastanza scorrevole da potersi vedere.

Voto: 6 Senza troppo impegno

________________________________________

Un perfetto gentiluomo Genere: Commedia / Surreale
Tutto giocato sulla bravura di Kevin Kline il film alla fine non porta a nulla pur avendo qualche spunto interessante, la verve di un bravo attore e certe idee surreali interessanti. Peccato

Voto: 5/6 Inconcludente

________________________________________

Femmine contro maschi Genere: Commedia “a episodi”
Sequel con attori comprimari nel primo episodio è abbastanza divertente ma meno convincente.
Nel panorama italiano è comunque un film godibile.

Voto: 6 Piacevole

________________________________________

Limitless Genere: Thriller fantastico
Mi ha ricordato “Strange days” e qualcos’altro che mi sfugge. A parte un finale un po’ slegato dal resto, a mio avviso (e comunque che non mi aspettavo, lo ammetto), è un film che diverte e regge mantenendo vivo l’interesse. Non male davvero.

Voto: 7.5 Per chi osa

________________________________________

A cena con un cretino Genere: Demenziale
Remake più o meno riuscito ma con il chiaro intento, rispetto l’originale, del box office che lo limita e lo relega in una commediola surreale ma senza troppa convinzione. Si può vedere anche se è un film piuttosto “strano”.

Voto: 5.5 Solo se non sei un topo

________________________________________

Carissima me Genere: Commedia
Sophie Marceau è l’attrazione del film ma anche il punto debole: non ha la simpatia necessaria al personaggio per farcelo amare, anche se l’idea di base, non originalissima, poteva essere valida.

Voto: 5 Sciapo

________________________________________

The next three days Genere: Thriller / Azione
Bel thriller, adrenalinico e avvincente. Russel Crowe la fa’ da padrone. Davvero bello.

Voto: 8 Se non ti senti libero

________________________________________

L’esplosivo piano di Bazil Genere: Commedia / Surreale
Film francese che più francese non si può. Surreale, divertito e divertente. A me ha incuriosito e divertito parecchio.

Voto: 7 Circense