Recensione Film: La mummia


Titolo originale: The mummy

Film del 2017
Diretto da Alex Kurtzman
Genere: avventura, azione, fantastico, orrore
Durata: 107 minuti
Con:

Tom Cruise: Nick Morton
Sofia Boutella: Ahmanet
Annabelle Wallis: Jenny Halsey
Russell Crowe: Dr. Henry Jekyll
Jake Johnson: caporale Vail

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Nel 1127, alcuni cavalieri crociati seppelliscono un rubino egiziano all’interno della tomba di uno dei loro in Inghilterra. Ai giorni nostri, la tomba viene rinvenuta nei sotterranei di Londra da alcuni operai, e successivamente presa in custodia da una squadra guidata da un uomo misterioso.

In un flashback risalente al Nuovo Regno, la principessa Ahmanet è destinata a succedere il padre Menehptre come sovrana dell’Antico Egitto, finché una concubina non dà alla luce un figlio. Determinata a rivendicare il trono per sé, Ahmanet vende la sua anima a Seth, il dio della morte, per aiutarlo a trasferire il suo spirito in una forma corporea attraverso un pugnale cerimoniale e governare insieme sull’Egitto. Dopo aver ucciso suo padre e suo fratello, Ahmanet tenta di sacrificare il suo amante per usarlo come involucro per Seth, ma viene catturata dai sacerdoti del padre e mummificata viva per l’eternità. Il suo sarcofago viene sepolto in Mesopotamia e sommerso in una piscina di mercurio in modo che la sua forma mostruosa non possa sfuggire.

Nell’odierna Iraq, il sergente Nick Morton e il caporale Chris Vail scoprono accidentalmente la tomba di Ahmanet dopo aver stabilito un attacco aereo su una roccaforte di insorti. Jenny Halsey, un’archeologa che ha avuto un trascorso con Nick, arriva e indaga la tomba, comprendendo che è una prigione.

Commento: Tom Cruise o Ethan Hunt? Difficile dirlo. Il film è un mischione di orrore, fantasy, action-movie e avventura mettendo insieme il peggio di ogni genere. L’unica scena degna di nota a mio avviso è l’aereo che precipita poi è tutto una spiegazione “assurda” di antichi misteri, collegamenti storici molto fantasiosi, mostri, zombie e catastrophic movie. Manca l’ironia di uno Spielberg, la simpatia di un Harrison Ford che, scusami Tom “sei bravo ma proprio simpatico no” e un’idea di fondo valida. Russel Crowe è davvero fuori ruolo in questo film, non ci crede nemmeno lui e si vede. Insomma un puzzle scombinato che non diverte, non avvince e serve a prepararci ad altri inutili sequel e spin-off nel Dark Universe. Salvo solo Sofia Boutella. Ma, per il resto, si può tranquillamente evitare.

Voto: 5 A che pro?

TRAILER

Annunci

Recensione Film: Jack Reacher – Punto di non ritorno


locandina_jackreacherpdnrFilm del 2016
Diretto da Edward Zwick
Genere: azione, thriller
Durata: 118 minuti
Con:
Tom Cruise: Jack Reacher
Cobie Smulders: Susan Turner
Aldis Hodge: Espin
Patrick Heusinger: il cacciatore
Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Jack Reacher fa ritorno al quartier generale della 110ª unità di polizia militare in Virginia, luogo dove ha preso servizio nel passato come maggiore (ruolo poi occupato dal maggiore Susan Turner) e che considera come casa. Sfortunatamente le cose precipitano una volta che Reacher raggiunge il posto; infatti Susan Turner, con cui aveva un invito a cena, sembra essere scomparsa nel nulla e la sua presenza non è affatto gradita.

Reacher viene accusato di aver commesso un omicidio che lo potrebbe costringere ad anni di galera e viene a conoscenza di una notizia sconvolgente della sua vita privata, cioè “SPOILER CANCELLATO”. Messo con le spalle al muro, Reacher sarà costretto a fuggire e lottare per la propria salvezza e quella di altre persone innocenti.

Commento: Mentre Ethan Hunt lavora in squadra, Jack Reacher è un solitario che qui è costretto suo malgrado a lavorare in coppia. Il film è esagerato (basta pensare a Reacher che tira un pugno attraversando un finestrino di un auto) ma proprio perché ormai siamo abituati ad agenti, soldati e spie capaci di ogni cosa, lo accettiamo con una certa noncuranza. Il film è comunque divertente e giusto per una serata a coca-cola / pop-corn. Bellissima Cobie Smulders ma questa è un’opinione puramente estetica!
Voto: 7 Anch’io vorrei conoscere tutte quelle arti marziali

Ah però... 6.5 -7.5

Recensione Film: Mission Impossible – Rogue nation


MissionImpossible5Film del 2015
Diretto da Christopher McQuarrie
Genere: azione, spionaggio, thriller
Durata: 131 Minuti
Con:
Tom Cruise: Ethan Hunt
Jeremy Renner: William Brandt
Simon Pegg: Benji Dunn
Rebecca Ferguson: Ilsa Faust
Ving Rhames: Luther Stickell
Alec Baldwin: Alan Hunley
Sean Harris: Solomon Lane

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Dopo aver intercettato una vendita di gas nervino a dei terroristi, l’agente dell’Impossible Mission Force (IMF) Ethan Hunt si pone come obiettivo di provare l’esistenza del Sindacato, un’attività criminale internazionale fino ad allora ignota alla Central Intelligence Agency (CIA). Ethan Hunt viene catturato dal Sindacato, ma…

Commento:Tom Cruise è d’acciaio! Ora: come attore non l’ho mai amato molto perché a mio avviso è piuttosto “pietrificato” nelle espressioni e molto esagerato nelle gestualità ma, nel ruolo del super-agente Hunt è davvero bravo e soprattutto molto preparato atleticamente (se è tutta farina del suo sacco come sbandierato dalla produzione). Comunque, Cruise a parte (bravo e credibile nel ruolo), è il film a reggere ancora dopo 5 episodi. Perfetta anche Rebecca Ferguson / Ilsa Faust contraltare britannico di Ethan. Personalmente ho trovato il film molto spettacolare e divertente, il finale un po’ poco soddisfacente alle aspettative e l’intreccio ben realizzato. Le location sono sempre magnifiche come gli stunts, la storia ha il fascino esotico delle migliori spy-stories e tutti i magnifici ammennicoli del kit dell’Agente Segreto sono la chicca finale a questo bel film. In sostanza un ottimo film da sgranocchio (pop-corn) e coca-cola.

Voto: 8 Ma il check-in no?

Ah però... 6.5 -7.5

Recensione Film: Edge of tomorrow – Senza domani


Edge_of_TomorrowFilm del 2014
Diretto da Doug Liman
Genere: Azione, Fantascienza
Con:
Tom Cruise: Maggiore William Cage
Emily Blunt: Rita Vrataski
Bill Paxton: Sergente Maggiore Farrell

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Delle creature di origine extraterrestre hanno iniziato ad invadere la Terra, occupando larga parte dell’Europa continentale. Gli alieni, micidiali mostri tentacolari, sono stati denominati “Mimic” per via della loro capacità di emulare, e persino anticipare, le tattiche militari terrestri. Gli esseri umani, per contrastare l’inesorabile avanzata dell’invasore, mettono a punto una nuova tecnologia: un potente esoscheletro da battaglia, che sembra poter cambiare le sorti dello scontro. Simbolo della possibile rivalsa contro gli alieni, diviene una soldatessa, Rita Vrataski, che in seguito ad un’esaltante vittoria in battaglia, viene soprannominata l’Angelo di Verdun.

Il maggiore William Cage, ex pubblicitario e addetto alle pubbliche relazioni dell’Esercito Americano, viene quindi impiegato dalle forze di difesa per aumentare il numero delle nuove reclute in vista di un’invasione decisiva che avverrà sulle sponde della Francia; il maggiore non esita a usare la fama della Vrataski e le nuove tute da battaglia per arruolare un sempre maggior numero di persone e per convincere l’opinione pubblica che una vittoria è possibile.

A capo dell’UDF (Forze di Difesa Unite), il generale dell’esercito britannico Bringham ordina al maggiore Cage di unirsi alla prima ondata d’invasione e di recarsi sulle sponde francesi per filmare con la sua troupe lo sbarco, favorendo così l’appoggio dell’opinione pubblica all’operazione. Cage, che non ha alcuna esperienza come soldato e terrorizzato all’idea di dover essere sul campo di battaglia, si rifiuta e quando capisce che il suo status di soldato americano non può comunque esimerlo dall’obbedire all’ordine diretto del generale, non esita a ricattare quest’ultimo, minacciandolo di farlo diventare un capro espiatorio grazie alla sua influenza sui media, una volta tornati in patria i primi caduti. La minaccia irrita moltissimo Bringham e ha come risultato l’arresto immediato di Cage su ordine del generale, la sua degradazione a soldato semplice, il marchio di disertore e il conseguente arruolamento nelle forze di sbarco del Sergente Farrell a Heathrow, plotone di cui fa parte anche la famosa Rita Vrataski.

Commento: Finalmente, in un film, Tom Cruise muore! E non poco… Scusate il semi-spoiler ma non ho resistito 🙂 Se voglio essere pignolo più o meno è successo anche in “Oblivion” con modalità differenti… Comunque questo film, seppur con qualche lacuna legata alla sospensione dell’incredulità (la storia dell’alfa e dell’omega mi pare una mezza castroneria, onestamente), si fa vedere con piacere. Per una volta troviamo, almeno nella parte iniziale della storia, un personaggio codardo e goffo che trasmuterà solo con le proprie omega/alfa in un novello Rambo. I nemici sono poco originali (vedi le Sentinelle di Matrix e via dicendo) ma non per questo ci si chiede “cosa succederà adesso?”. Il film avvince ed incuriosisce, a tratti diverte (a me ha pure ricordato per il reiterarsi degli eventi perfino “Ricomincio da capo”)!
Un film d’azione travestito da fantascienza, ben realizzato. In sostanza un film che mantiene la promessa d’intrattenere fino al “the end” abbastanza semplice da prevedere fin dall’incipit.

Voto: 8 E’ un po’ come giocare alla playstation e ripartire dopo un salvataggio…

Ah però... 6.5 -7.5

Recensione Film: Jack Reacher – La prova decisiva


Film del 2012
Diretto da Christopher McQuarrie
Genere: Azione / Thriller
Con:
Tom Cruise: Jack Reacher
Rosamund Pike: Helen Rodin
Robert Duvall: Cash
Jai Courtney: Charlie
Richard Jenkins: Alex Rodin
Werner Herzog: The Zec

Trama tratta da Wikipedia: In una città pacifica e tranquilla, cinque persone sono uccise da un cecchino. Gli indizi portano velocemente ad un ex soldato di nome James Barr. Tace durante l’interrogatorio, ma scrive il nome di Jack Reacher, un ex poliziotto militare. Durante il trasporto verso il carcere viene lasciato in balia di altri carcerati che lo riducono in coma. La polizia non ha idea di come rintracciare Jack Reacher ma è lui a presentarsi spontaneamente. L’analisi delle prove lo porta a formulare una nuova teoria. Insieme all’avvocato difensore di Barr, Reacher riuscirà infine a scoprire la verità.

Commento: Tom Cruise in un altro personaggio tutto cervello, muscoli e abilità quasi sovraumane. Il film è divertente quanto basta anche se il plot e le motivazioni di tutto l’insieme mi sembrano un po’ miserine… Si sa già come va a finire e manca un mistero che si spiega troppo presto. Un film discreto ma poco appagante. Insomma, si può vedere con noncuranza

Voto: 6 Io non sono un eroe

si puo vedere distrattamente - 6

Recensione Film: Oblivion


Film del 2013
Diretto da Joseph Kosinski
Genere: Fantascienza

Con:
Tom Cruise: Jack Harper
Morgan Freeman: Malcolm Beech
Olga Kurylenko: Julia Rusakova
Andrea Riseborough: Victoria Olsen

Trama parzialmente tratta da Wikipedia : Ambientato in un post-apocalittico 2077, in seguito a un’invasione aliena ed alla conseguente guerra nucleare vinta dai terrestri contro degli extraterrestri chiamati Scavengers, il film ruota intorno a Jack Harper, un tecnico di stanza sulla Terra ormai abbandonata, poiché contaminata dalle radiazioni e stravolta dalla distruzione della Luna. Egli risiede in una casa ancorata alla cima di una montagna insieme a Victoria; il loro compito consiste nel garantire l’integrità e il funzionamento delle Idro-trivelle, giganteschi macchinari che risucchiano l’acqua dagli oceani per creare nuova energia, e pensare alla manutenzione dei Droni, sofisticati robot-guerrieri volanti, programmati per sterminare eventuali Scavengers sopravvissuti e proteggere le Idro-trivelle

Commento: Non male questo film. Ne ricorda per certi aspetti molti altri (The Island, Matrix, Wall-E tanto per citarne alcuni) ma la storia regge e (forse) l’unico punto un po’ debole a mio avviso è nella spiegazione prima del finale anche se non è dissennata. Belle le scenografie volutamente scarne, asettiche e grigie e che dovrebbero far riflettere da subito sulla realtà delle cose… In sostanza un bel film, con effetti speciali confacenti alla narrazione e finalmente Tom Cruise muore in un film! (Scherzo). Ripeto: Non male anche se da subito capisci che c’è qualcosa che non torna…

Voto: 7.5 Per chi non ama guardarsi allo specchio questo film potrebbe essere un problema!

Ah però... 6.5 -7.5

Recensione Film:Mission Impossible: Protocollo Fantasma


Film del 2011
Diretto da Brad Bird
Con Tom Cruise (Ethan Hunt), Jeremy Renner (William Brandt), Simon Pegg (Benji Dunn), Paula Patton (Jane Carter), Josh Holloway (Trevor Hanaway), Michael Nyqvist (Kurt Hendricks)
Genere: Azione
Trama tratta da Wikipedia: Dopo che un attentato terroristico ha distrutto parte del Cremlino, il governo degli Stati Uniti attiva il “protocollo fantasma” poiché l’intera Impossible Mission Force viene accusata dell’attacco mentre la colpa è di Kurt Hendricks, un milionario che vuole ricostruire l’Unione Sovietica, dominare l’Europa e distruggere gli storici rivali degli Stati Uniti d’America. Ethan Hunt e la sua squadra vengono arrestati ma riescono a fuggire, in modo da poter operare al di fuori della loro agenzia, per provare la loro innocenza e allo stesso tempo sventare un attacco nucleare che potrebbe portare alla terza guerra mondiale.

Commento: Ri-ecco SuperTom. Invecchia ma è ancora funzionale al ruolo. Bellissima Paula Patton (mai un’agente racchia eh?). Stupende le scene sul grattacielo a Dubai. Tutto è esagerato, inverosimile…assurdo ed impossibile. Ed è questa la forza di questo spettacolo che avvince con gli occhi senza concedereci il lusso di crederci davvero. Una storia semplice semplice, azione spinta all’estremo, belle macchine, aggeggi tecnologici dal futuro e belle donne bastano a divertire con il classico sacchetto di pop-corn da sgranocchiare sulle ginocchia e il bicchiere fresco di coca-cola a portata di mano (senza distogliere lo sguardo dallo schermo). Un fumettone!

Voto: 7.5 Nel genere si fa apprezzare.

Recensione Film:Leoni per agnelli


Film del 2007
Diretto da Robert Redford
Con Robert Redford, Meryl Streep, Tom Cruise, Andrew Garfield
Genere: Drammatico
Trama tratta parzialmente da Wikipedia: due studenti della West Coast University grazie al loro idealista professore Malley (Robert Redford), decidono di realizzare qualcosa di importante nella loro vita. Malley rimane turbato quando scopre della loro decisione di unirsi all’esercito degli Stati Uniti per andare in missione in Afghanistan. Mentre i due giovani combattono per la propria patria, negli Stati Uniti i destini di tre persone verranno segnati profondamente: il prof. Malley, il senatore Jasper Irving (Tom Cruise) e la giornalista Janine Roth (Meryl Streep). La storia si svolge in un’unica giornata, narrando in modo distinto (ma correlato per lo spettatore) l’ambizioso senatore di Washington, risoluto quanto ambiguo nell’esporre il nuovo piano di guerra statunitense alla giornalista; un giovane sveglio e capace nel quale il professore di scienze politiche Malley ripone ambiziose speranze per il futuro della nazione americana e la giornalista stessa, simbolo di una categoria lavorativa ormai ridotta, in America, a veicolo propagandistico del governo, nonostante i dubbi che più volte la assediano nel corso del film riguardo alla sincerità e all’integrità del senatore…

Commento: Film molto parlato se non per la sequenza dell’incidente all’elicottero statunitense in Afghanistan. Lucida disamina del rapporto tra media / società / potere politico. Dei protagosti nulla da eccepire, al solito tre mostri sacri. Sorpresa dell’allora semi-sconosciuto Andrew Garfield (visto poi in “Parnassus”) a breve nuovo Peter Parker – Spiderman. Un film realista e di condanna. Davvero non male.

Voto 7.5 Per chi crede ad ogni news.

Recensione Film: Innocenti bugie


Film del 2010 diretto da James Mangold ed interpretato da Tom Cruise (Roy), Cameron Diaz (June) e Peter Saasgard (Fitzgerald).

Un incontro casuale(?) in aeroporto trasporta June da semplice ragazza in viaggio per il matrimonio della sorella in un mondo di spie, inseguimenti e sparatorie. Roy in fuga con un componente rubato da un laboratorio ed inseguito dall’ex-collega agente Fitzgerald, la osserva nel terminal e riesce ad urtarla due volte, per un suo recondito motivo. Quando però si ritrovano sullo stesso aereo, l’uomo si domanda perchè ci sia anche lei, visto che quello su cui si trova, è un volo “speciale” destinato a lui. Da qui parte tutta una serie di vicende avventurose e al limite dell’umano con il lato sentimentale in agguato.

Il film pare essere una parodia di “Mission Impossible” e “Charlie Angels” visti i protagonisti. Le azioni sono sempre spettacolari, movimentatissime ed esagerate. Tom Cruise non sbaglia una mossa e tenta di essere auto-ironico e simpatico (anche se la simpatia non è una dote innata dell’attore). Più spontanea Cameron Diaz, abile a giocare nel ruolo della donna ingenua ma forte. Divertente e macabra la scena in aereo…

La storia è un pretesto per mostrarci tutta una sequenza di improbabili fughe, scazzottate, sparatorie, piroette ed inseguimenti a piedi, in volo, in auto ed in moto. Ethan Hunt e tutto di più, insomma. C’è quasi tutto in questo film: attori, azione ed entertainment. Cosa manca allora? Una storia più solida e una nemesi decente, senza nulla togliere a Peter Saarsgard.

Che dire? Il film non è un capolavoro ma è divertente se si dimentica la logica… Fa’ un po’ specie vedere che anche Tom Cruise ha le rughe intorno agli occhi e sul collo e le maniglie dell’amore (seppur incorniciate da un fisico palestrato). 🙂

Un film senza pretese ma scorrevole, fila via liscio.

Voto: 6.5 E’ un po’ come l’acqua : Frizzante ma insapore.

Ultime visioni e News: Vita da strega, Mission Impossible III,


film2.jpg

[Vita da strega]

Nicole Kidman ormai lanciata nel firmamento del cinema hollywoodiano fa da traino a questo filmettino senza pretese e purtroppo scarso di originalità e idee. Narra di Isabel, strega sul serio che incappa nella produzione del remake del telefilm omonimo. Nella parte del maritino mortale c’è un semi-sconosciuto (per l’Italia, ma famoso negli Usa) Will Farrell. Isabel entra a far parte del cast ecc. ecc… (Non aggiungo altro poichè quello che dovrebbe risultare divertente non lo è). Nel cast anche Shirley McLaine e Michael Caine più uno sconosciuto clone di Tom Cruise(!).  Un film che spunta un 6 scarsissimo solo grazie al bel nasino della Kidman. Manca la Magia. Fa rimpiangere Samantha. Non si merita il link.

[Mission Impossible III]

Link alla scheda del film su IMDB 

Ritorna Ethan Hunt e con lui il più Cruisizzato dei Tom possibili. Il film si avvale della regia del noto J.J.Abrams (vedi post su Lost) e della presenza nel cast del bravo Philip Seymour Hoffman qui cattivissimo (“Magnolia”, “Capote”, “Almoust famous”), Ving Rhames (di nuovo nei panni di Luther), Jonathan Rhys Meyer (Declan) e le belle Michelle Monahag (Julia) e Maggie Q (Zhen Lei). Torna l’iper-tecnologico mondo delle spie e stavolta al novello sposo di Bracciano tocca pure l’arduo compito dello sposalizio pure in pellicola. La trama segue lo stile dei precedenti M:I e cioè Missione > Mascheramenti > Azione esagerata > Esplosioni > Gadget di ogni tipo > Traditori > Cattivoni > Belle spie. Il tutto non stona come mix ma manca forse proprio nel cuore e cioè la storia mi pare un po’ esigua. Un film a cui difetta “l’intrigo” mentre “l’internazionale” c’è: States, Berlino,Vaticano, Shangai. Un 6,5 stiracchiato. Ansioso.

[Due news due]

Uscirà nel 2009 “The Hobbit” prequel della trilogia di Tolkien “Il signore degli anelli”. La notizia sta nel fatto che pare che NON sarà Peter Jackson, avvisato per telefono dalla New Line, a dirigere la pellicola. Brutto presentimento.

Uscirà invece il 13 Luglio 2007 per la gioia di grandi e piccini il quinto(?) film della saga di Harry Potter: “Harry Potter e l’ordine della Fenice”. La notizia non è ufficiale nè confermata. Babbani avvisati.

Ciao, J