Aggiornamento Canale Youtube – Inseriti Video sul CANADA!


Ciao a tutti

Ho aggiornato il mio canale YOUTUBE inserendo tre video inerenti il viaggio in Canada del 2010. Nel dettaglio: Viaggio in British Columbia e Alberta e ai Parchi Nazionali di Jasper, Banff e Yoko, nel dettaglio:
Vancouver, la parte meridionale di Vancouver Island con soggiorno a Victoria, il trasferimento via Highway “Sea to Sky” verso Whistler e su per Jasper con meta di transito a Kamloops, pernottamento a Jasper, Lake Louise e Banff con visite lungo tutta la Highway 93 (Icefield Parkway) e escursioni ai vari laghi e cascate nei parchi nazionali anche di Yoho, aggiungendo una giornata nello Kananaskis Country a sud di Banff per percorrere la Smith-Dorrien Trail, una strada sterrata di 60km che ci ha riservato una piacevolissima sorpresa finale.

Buon DIVERTIMENTO!

LINK AL CANALE

 

Aggiornamento Canale Youtube – Inseriti Video sul CANADA! è stato pubblicato originariamente su AuroraBoreale

Per i mass media… Internet è solo voyeurismo/esibizionismo?


Premetto che tutte le affermazioni che vado a fare sono una mia personale opinione e non vogliono di certo far cambiare idea a nessuno nè tanto meno pretendere che le condividiate.

Partiamo dall’era di internet saltando a piè pari l’epopea pionieristica delle bbs e dei primi modem…

Agli inizi degli anni ’90 arrivò, con l’evolversi delle linee telefoniche, l’uso commerciale di internet e le conseguenti applicazioni: e-mail, chat, navigazione web, mailing-lists, trasferimento di files, conseguente propagazione di virus in maniera massiccia, forum, newsgroup, enciclopedie online, mappe, servizi di informazione, giochi di ruolo, realtà virtuali, telefonia Voip, shop/banking online, condivisione media (video, foto, audio) ed in ultimo il social networking (la moda del momento rilanciata dai mass-media).

Personalmente ho sempre considerato le chat deleterie ed inutili nonchè noiose, dove dopo i primi 10 minuti la conversazione latita (ma io sono allergico anche al solo stare al telefono…) e ho sempre preferito quando necessario reperire informazioni tramite forum, newsgroup e attraverso la mail.

L’estremo della chat (e di riflesso Facebook, direi) è la ricerca di contatti virtuali che possono (ri)portare a relazioni nella vita reale ma mi fa un po’ specie questa rincorsa all’aggancio telematico con una persona in luogo più o meno remoto e la chiusura/indifferenza praticamente totale verso – ad esempio – il vicino di pianerottolo. C’è una sorta di esotismo/masochismo nel comunicare (anche via videoconferenza) con qualcuno che magari abita a 10km di distanza che diviene indifferenza/sadismo nel negarsi poi per un incontro davanti ad una pizza… Stare occultati dietro una tastiera, un mouse ed uno schermo dà indubbiamente più alone di mistero e in più la possibilità di apparire/sembrare migliori di quanto siamo in realtà è una tentazione difficile a cui resistere.

Oltretutto questi mezzi (Facebook, Youtube) grazie – e aggiungo purtroppo – alle tv stanno divenendo una vetrina amplificatrice dell’idiozia umana.
Non passa giorno che i tg non segnalino (ed usino) video di Youtube con scorribande, atti di bullismo, vandalismo e – scusate la franchezza -minchiate – di cui eviterei la pubblicità e l’esposizione…la divulgazione e la notorietà è proprio quello che questi cretini vogliono e i tg gliela danno senza pensare al rischio degli imitatori – soprattutto se ragazzi.

Parafrasando Andy Warhol è vero che siamo giunti ai famosi “15 minuti di popolarità” per chiunque ma, mi domando se sia necessario essere menzionati in un tg per via di un video in cui ci si dimostra dei coglioni al solo scopo comunque di esserci (altrimenti non esisti).
Personalmente sto nell’ombra a riflettere e a pensare invece che inventarmi un atto deficente e poi metterlo in pratica filmandomi per il gusto di esistere online. Sto benissimo offline a farmi un sacco di cose più divertenti ed interessanti (almeno per me). Ma una bella sana partita di …. (riempite i puntini con quello che preferite) no?

Facebook è indubbiamente più articolato ma se lo lo scopo di riunire e ritrovare amici d’infanzia, di liceo  e – che ne so, di naja? – è l’elemento ufficiale scatenante del suo successo ( vale forse di più negli States dove le distanze tra ex-compagni possono diventare immensamente più grandi rispetto alle nostre e quindi anche maggiore la richiesta di ritrovarsi) penso invece che il reale punto di forza di FB derivi dalla voglia di molti di farsi (ri)vedere/(ri)conoscere o di mostarsi… e magari crearsi nuove “relazioni” (mica che sia sbagliato, sia chiaro).
Mi sa tanto del vecchio discorso della “ricerca dell’anima gemella” o del “chissà com’è finito Pinco Palla” ?

Trovo strumentale (e ridicolo) tutto questo battage mediatico (un po’ come è successo per Second Life) nel quale sembra che non esisti se non sei su Facebook.
Sei su Facebook? No e me ne vanto.

Io, di mio, senza aver subito traumi di nessun tipo in gioventù per cui sto bene senza voler riallacciare, ho comunque la mia idea e cioè che se ho voluto mantenere contatti con qualcuno, l’ho fatto. Con gli altri, scusate l’arroganza, non m’interessa.
Nella vita si cresce, si cambia, si matura (forse, chissà) e quindi soprattutto si tende a legarsi a persone con interessi simili al proprio stato d’animo che non è immutabile nel tempo. Perchè dovrei andare a cercare persone che non vedo da 30 anni? Perchè avevamo la cartella uguale o perchè ci ricordiamo dello stesso maestro? Troppo poco.
E poi… ci ho messo così tanto a far perdere le tracce! 🙂 Non è vero, non sono un latitante ^__^

Internet come ho già scritto è un mezzo molto potente e valido se usato con intelligenza e buon senso, anche per divertirsi oltre che per raccogliere informazioni “serie”; ma basta!!! con dare risalto solo al gossip, alle notizie stravaganti, ai video di imbecilli (di qualità orrenda tra l’altro), a Facebook. Non si potrebbe mostrare cosa c’è di “davvero” utile in rete?
Ci sono idee davvero geniali ed innovative e informazioni altrimenti difficili da reperire… perchè puntare solo sull’aspetto voyeuristico/esibizionista di internet? Deve per forza vincere questa superficie di sola apparenza poggiata sul nulla?

Io dico viva a Google Maps, Google Earth, Stellarium (mie passioni, chiaro)…grazie agli utenti che condividono conoscenza, idee, opinioni…grazie a quelle aziende/enti che semplificano la vita con siti accessibili e chiari accorciando i tempi e dando soluzioni alternative alle vie “comuni”… grazie anche a quelli che la pensano in modo differente rispetto a me e che mi danno modo di confrontarmi, riflettere e tentare di capire se ho un’opinione corretta, sbagliata o, se non ce l’ho, di farmela.

Di contro bravi ai creatori di FB e YT che hanno capito come funziona il mondo d’oggi e cosa la gente richiede.

Ciao, scusate il tono polemico, oggi mi gira così…

J